Qualità e sostanza, il Milan non può più fare a meno di Calhanoglu

Impreciso in zona-gol, ma preziosissimo sul binario mancino: Calhanoglu è una pedina importantissima per Rino Gattuso.

Dovrebbe aggiustare un po’ la mira, ma è giusto n dettaglio. Perché il lavoro svolto da Hakan Calhanoglu è molto più importante di un normalissimo (ma ovviamente utile) gol. Legna, tanta legna, unita a una buona dose di qualità, fra dribbling, verticalizzazioni e intelligenti cambi di gioco: il dieci turco è un giocatore fondamentale per gli equilibri di questo Milan. Corre, Calha, corre dal fischio d’inizio al 90esimo, più eventuali tempi supplementari, com’è accaduto all’Olimpico in occasione della semifinale di Coppa Italia con la Lazio.

Hakan Calhanoglu Milan
Hakan Calhanoglu

Serie A, 27esima giornata: Milan-Inter domenica 4 marzo alle ore 20.45

Come detto, la mira del numero dieci rossonero difetta un po’. Dopo il clamoroso errore a porta vuota nel match di andata contro i biancocelesti, l’ex Leverkusen ha avuto un’altra grande chance al ritorno: conclusione in Curva, a tu per tu con Strakosha, e tanti saluti al possibile gol-qualificazione. Poco male. Calhanoglu, infatti, è stato uno dei protagonisti della partita: il turco, dopo aver corso e rincorso per centoventi minuti, ha mostrato anche un’invidiabile lucidità dal dischetto. Insomma, una pedina importantissima, in grado di abbinare qualità e sostanza. Qualche rete in più non guasterebbe, ma va già benissimo così.

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 28-02-2018

Salvo Trovato

X