Milan, il sogno Champions (forse) si ferma a Torino: ora serve un gruppo vero

La sconfitta del Milan in casa della Juventus complica e non poco la rincorsa dei rossoneri alla zona Champions League. Ora si deve andare avanti da squadra, chi pensa al mercato resta ai margini.

Salvo clamorosi miracoli sportivi, il Milan la Champions League 2018 la vivrà da spettatore, con il rimpianto per i tanti, troppi punti persi per strada nel corso della stagione e la consapevolezza che se tutto fosse stato diverso dall’inizio probabilmente le cose sarebbero andate diversamente.

E invece a nove partite dalla linea scacchi il Milan è a otto punti di distanza dal quarto posto, occupato dall’Inter (e questo fa ancora più male). Tra i rossoneri e i nerazzurri c’è poi la Lazio, salita a quota cinquantasette punti.

Insomma, dopo la sconfitta rimediata contro la Juventus, il Milan non solo dovrà fare il suo, ossia vincere tutte le partite, ma dovrà anche sperare in diversi passi falsi delle due squadre che precedono.

Matematicamente e razionalmente tutto è possibile: Inter e Lazio hanno di fronte a sé diversi scontri diretti da dover giocare e sicuramente lasceranno qualche punto per la via. Il Milan dovrà essere bravo a raccoglierli tutti per provare ad anticipare tutti al fotofinish.

MILAN
MILAN

Milan, la Champions League è un miraggio che solo chi crede nei colori può vedere

Ma il tutto è maledettamente difficile. Innanzitutto bisogna sperare che la sconfitta contro la Juventus non abbia lasciato strascichi sul morale della squadra (ipotesi da non escludere), poi bisogna vincere sfide come il derby o quella contro il Napoli, nella speranza che i partenopei siano fuori dalla corsa scudetto (impossibile).

In queste settimane Gattuso dovrà riuscire ad alzare la famosa asticella per vedere che squadra e che Uomini ha di fronte, se ha tra le mani gente che con la maglia rossonera addosso hanno il coraggio di credere nell’impossibile oppure se ha calciatori professionisti che iniziano già a pensare al modo di lasciare la barca per salire a bordo di un transatlantico milionario che porta dritti dritti in Champions League.

Insomma, ora la Champions League è un miraggio che solo chi crede davvero nel Milan può vedere, e questo servirà a Mirabelli per capire se accettare settanta milioni oppure fare sacrifici per provare a tenere i propri top player.

Questo il video con le dichiarazioni di Massimiliano Mirabelli al momento dell’annuncio di Gennaro Gattuso sulla panchina del Milan:

ultimo aggiornamento: 01-04-2018

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X