Venticinque anni fa l’Italia perdeva la finale mondiale col Brasile. Baresi, capitano di Milan e Nazionale, sbagliò uno dei rigori. Ecco i suoi ricordi

E’ passato un quarto di secolo, ma per chi ha memoria di quel giorno ed è appassionato di calcio sarà pressoché impossibile dimenticare il 17 luglio del 1994. Venticinque anni fa, infatti, l’Italia guidata in panchina da Arrigo Sacchi veniva sconfitta 3-2 ai rigori dal Brasile nella finale dei Mondiali di Usa ’94. Gli errori dal dischetto di Baresi, Massaro e Roberto Baggio scandirono una delle sconfitte più dolorose nella storia della nostra nazionale. Franco Baresi, intervistato da Il Giorno, ripercorre quei momenti, parlando anche del Milan di Marco Giampaolo e del nuovo stadio di San Siro.

Baresi: “Usa ’94 fu un mondiale incredibile”

Fu un Mondiale incredibile. Giocai le prime due partite, poi vidi la squadra da fuori crescere e soffrire. Tanti fattori fecero sì che alla fine potessi scendere in campo recuperando velocemente dall’infortunio. E Sacchi doveva decidere se rischiarmi, senza sapere quanto sarei durato… Il mister ebbe un coraggio da leone, e alla fine venne fuori la prestazione credo più bella della mia carriera. O almeno con gli azzurri“.

Dopo la partita della vita con un caldo impossibile, e finita in quel modo, era quasi normale uno sfogo. Sono un uomo come tutti, anche con le debolezze. Il mio carattere e il percorso nel calcio mi hanno consentito di fare tanto sul campo di gioco, ma dal punto di vista umano quella delusione la sentii tantissimo. Perciò ebbi un cedimento naturale a fine match…“.

Milan, 1987/88
COMO: Paradisi, Annoni, Maccoppi, Centi, Albiero, Moz (89′ Annoni), Mattei, Viviani, Giunta, Notaristefano (20′ Lorenzini), Corneliusson – All.: Burgnich MILAN: G. Galli, Tassotti, P. Maldini, An. Colombo (79′ Massaro), F. Galli, Baresi II, Donadoni (53′ Van Basten), Ancelotti, Virdis, Gullit, Evan

Baresi sul Milan in Champions: “Ce lo auguriamo tutti”

Milan in Champions? “Ce lo auguriamo tutti. Giampaolo ha idee ed è propositivo, e poi ha un calcio offensivo. I ricordi sono tanti e rimarranno per sempre, considerato tutte le partite che ho disputato e quel che mi hanno dato. E’ chiaro però, che come tutte le cose anche il calcio corre velocemente e per questo bisogna guardare avanti”.

Su San Siro. “Credo che avere uno stadio nuovo, futuristico, per i nostri figli e i figli dei nostri figli sia anche importante. E’ giusto guardare avanti e credo che il nuovo stadio sarà bellissimo, l’investimento enorme, insomma credo che sarà qualcosa di speciale. Se lo meritano Milan e Inter“.

Nuove ordinanze in vigore: ecco che cosa si può fare in base al colore della zona

TAG:
baresi calcio capitano giampaolo il giorno milan

ultimo aggiornamento: 17-07-2019


Inter, diktat di Conte: tutto su Lukaku

Svolta Icardi, c’è il Napoli sull’argentino