Il Milan stenta a livello di risultati: Pioli, però, sta pian piano ritrovando un’abbondanza a livello di rosa che non aveva mai avuto

L’inizio di campionato del Milan lascia senza dubbio pochi spazi all’immaginazione. La classifica è deprimente, con un dodicesimo posto a quota 14 che mette i rossoneri poco sopra la linea di galleggiamento rappresentata dalla zona retrocessione. Gli argomenti per provare a sperare in un futuro migliore, però, ci sono. Non soltanto c’è un mercato di gennaio che, all’orizzonte, promette di puntellare una rosa molto giovane e con pochi trascinatori. Anche il ventaglio di uomini a disposizione di mister Pioli, adesso, promette di essere più produttivo. Questo grazie al ritorno ad altissimi livelli di Jack Bonaventura, all’esplosione del duo Bennacer-Krunic a centrocampo, alla ripresa di Calhanoglu e a quel treno sulla fascia che risponde al nome di Theo Hernandez. Anche la Gazzetta dello Sport, in un editoriale odierno, analizza la ritrovata abbonfanza in casa Milan.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Milan, con l’abbondanza arriva il salto di qualità? Pioli lo spera

Segnali di ripresa ce ne sono stati. Il Milan non è una squadra allo sbando, è vivo, ma ora ha bisogno di punti. Anche di quelli sporchi. E Stefano Pioli pretende un netto salto di qualità in generale, chiede soprattutto ai nuovi acquisti e agli uomini di maggiore esperienza una mano per uscire concretamente dalle “sabbie mobili”. In questo senso può per esempio contare sul recupero di Bonaventura, sulla duttilità di Calhanoglu e sulla qualità di Theo Hernandez“.

Parma-Milan Roma-Milan Milan-Lecce Hakan Calhanoglu Marco Giampaolo
Hakan Calhanogli

Bonaventura, vero e proprio uomo Milan

Hernandez è una sicurezza, ha personalità, coraggio e tecnica adeguati a una grande piazza. Calhanoglu rientra a Parma dopo la squalifica ed è l’uomo con il miglior bagaglio di colpi offensivi in casa Milan insieme al baby Leao. Ma è Bonaventura la notizia più rassicurante per Pioli: Jack è uomo Milan, conosce l’ambiente, è in grado di gestire mentalmente e tatticamente anche i momenti più delicati, è soprattutto giocatore vero, centrocampista dal gol facile e leader riconosciuto in campo“.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

milan

ultimo aggiornamento: 28-11-2019


Ufficiale, Dejan Stankovic torna all’Inter

Milan: Romagnoli piace alle big europee, ma è incedibile