Milan, Igli Tare tra i candidati per sostituire Massimiliano Mirabelli. Ma il sogno di Leonardo resta Braida.

Non solo Giuntoli. Con l’esonero di Massimiliano Mirabelli è ufficialmente iniziata la caccia al nuovo ds rossonero. Il nome caldo è quello di Cristiano Giuntoli. Il profilo piaceva molto anche alla vecchia dirigenza rossonera e i contatti erano già in fase avanzata. Il nome del dirigente del Napoli sembra però aver perso quota alla luce delle scelte operate dal Fondo Elliott per quanto riguarda l’assett dirigenziale. Il gruppo americano sta puntando a nomi di livello e spessore internazionale e Giuntoli non sembra corrispondere ai criteri di ricerca.

Milan, anche Tare tra i candidati per un ruolo da ds

Tra i nomi nuovi c’è quello di Tare. Il ds della Lazio, particolarmente affezionato al mercato dell’Est, ha avuto il merito di portare in Italia giocatori del calibro di Milinkovic Savic. Anche in questo caso il profilo non sembra convincere appieno Leonardo, destinato comunque a gestire da solo questo mercato estivo. Difficile pensare infatti che qualche direttore sportivo possa lasciare il proprio lavoro a metà per cambiare improvvisamente squadra a poche settimane dalla fine della sessione di trattative.

Milan, Leonardo sogna Braida

Il sogno di Leonardo resta Ariedo Braida, altro ex rossonero nel mirino del nuovo Milan. Al momento sembra difficile che il dirigente possa lasciare il Barcellona, una corazzata milionaria fatta di grandi talenti e ambizioni europee. Non è chiaro in realtà se il contatto tra Leonardo e Braida sia stato solo di cortesia oppure se il brasiliano abbia in effetti provato a mettere sul piatto una proposta concreta. L’impressione è comunque che nuove informazioni saranno disponibili solo dopo la fine del mercato, al termine del periodo caldo dei direttori sportivi.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
calcio calciomercato milan igli tare mercato milan

ultimo aggiornamento: 25-07-2018


Chi è Umberto Gandini, il nuovo direttore generale del Milan

Milan, incontro con la Juve: tre nomi sul piatto