E’ morto Rutger Hauer, il replicante di Blade Runner. La notizia della scomparsa dell’attore è stata confermata dal suo agente.

AMSTERDAM (OLANDA) – E’ morto all’età di 75 anni Rutger Hauer. La notizia della scomparsa dell’attore – conosciuto da tutti per aver recitato la parte del replicante in Blade Runner – è stata data da Variety e confermata dal suo agente. Il decesso è avvenuto venerdì 19 luglio 2019 mentre i funerali si sono svolti solo martedì.

L’entourage dell’attore ha preferito mantenere il massimo riserbo sui motivi del decesso. Una perdita importante per il mondo del cinema che vede scomparire uno degli attori più conosciuti in tutto il mondo.

Chi era

Nato vicino a Utrecht ma cresciuto ad Amsterdam, Rutger Hauer la passione per la recitazione l’ha ereditata dai genitori che erano entrambi attori di teatro. Dopo delle piccole apparizioni in un gruppo sperimentale e nella tv olandese, il grande salto sul grande schermo è avvenuto grazie al regista olandese Paul Verhoeven con cui ha girato tanti film.

Ma il nome di Hauer compare anche in pellicole italiane girare da Ermanno Olmi, Dario Argento e Lina Wertmuller. La svolta della sua carriera è arrivata sicuramente nel 1981 quando ha debuttato insieme a Sylvester Stallone a Hollywood in I falchi della notte. Il salto definitivo tra i grandi è stato fatto Blade Runner nel ruolo del replicante sotto la guida di Ridley Scott e accanto a Harrisond Ford.

Rutger Hauer morto

La morte di Rutger Hauer è avvenuta nella giornata di venerdì 19 luglio 2019 ma è stata comunicata dal suo agente solo qualche giorno dopo. I motivi del decesso non sono stati detti con la famiglia che ha preferito mantenere il massimo riserbo sulla vicenda.

Una scomparsa che lascia un vuoto importante nel mondo del cinema internazionale visti gli oltre 100 film che lo hanno visto come protagonista.

fonte foto copertina https://twitter.com/PVigani

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
blade runner cinema esteri rutger hauer

ultimo aggiornamento: 25-07-2019


25 luglio 2000, il Concorde si schianta poco dopo il decollo da Parigi: 109 morti. E’ la fine dell’aereo supersonico

Sei milioni per ‘coprire’ la morte di Neil Armstrong