Napoli-Torino, le dichiarazioni di Hamsik: “Spero che Sarri resti, non è la fine di un ciclo”

5 paesi low cost dove rifarsi una vita

Il capitano del Napoli, Marek Hamsik, ha parlato al termine del pareggio col Torino.

Per lo scudetto manca ancora qualcosa, ma con Sarri si potrà vincere in futuro. Questo l’Hamsik-pensiero al termine della sfida col Torino che, finita col risultato di 2-2, ha di fatto consegnato il settimo scudetto consecutivo alla Juventus di Allegri.

Intervistato da Sky Sport, il capitano del Napoli ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: “Dobbiamo solo ringraziare il nostro pubblico che ci ha fatto sentire come se avessimo vinto qualcosa. Ci abbiamo provato per tutto l’anno e siamo stati là, meritavamo qualcosa di più“.

Napoli-Torino, le dichiarazioni di Hamsik

Il numero 17 azzurro ha proseguito: “Dopo la Juve sono successi piccoli episodi che cambiano la stagione. Loro hanno vinto all’ultimo secondo, noi abbiamo preso un rosso dopo cinque minuti. Dobbiamo accettare con rammarico, siamo dispiaciuti. Se è la fine di un ciclo? Io non la vedo così , ma come un ringraziamento della città che ha visto che ce l’abbiamo messa tutta, è stato splendido anche se non abbiamo vinto niente“.

Hamsik ‘blinda’ Sarri

Lo slovacco ha quindi espresso il suo pensiero anche sul futuro del tecnico Sarri: “Spero non vada via, il mister ci ha fatto crescere, dispiacerebbe a tutti. Per me si può andare avanti così, da tre anni stiamo facendo sempre una crescita e campionati straordinari. Manca un pizzico, sicuramente gli infortuni di Ghoulam e Milik ci hanno resi più deboli“.

Infine, Hamsik ha concluso con un pensiero sulla gara di Firenze: “Sono condizionamenti pesanti quelli della Juve, il risultato che han fatto. Potevamo fare qualcosa di più, non prendere gol e difendere con i denti. Queste sono cose che ti fanno imparare tanto e ti fanno crescere“.

Ricevi le ultime notizie in Real Time, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy
Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 06-05-2018

Mauro Abbate