Niang al Torino, il Milan chiede quindici milioni: si può chiudere

5 paesi low cost dove rifarsi una vita

Niang al Torino, il Milan disposto a far partire il giocatore per quindici milioni di euro.

Il nome caldo del mercato del Milan continua a essere senza dubbio quello di Niang, da cui dipende anche e soprattutto anche l’ultimo colpo del mercato rossonero. Senza l’extra budget proveniente dalla Cina, l’ultimo rinforzo per la rosa di Vincenzo Montella dovrà venire da quanto rimane nelle casse di via Aldo Rossi e quanto i rossoneri riusciranno a mettere da parte con le cessioni last minute. Sulla soglia di Milanello ci sono Gabriel Omar Paletta e propio il già citato Niang. Resta l’incognita Gustavo Gomez che, saltato il trasferimento in Turchia, difficilmente riuscirà ad accordarsi con un nuovo club.

Niang Milan

Niang-Torino, il Milan chiede quindici milioni di euro

Offerto alla Lazio per arrivare a Keita, questo secondo quanto riferito da La Gazzetta dello Sport, Niang sembrerebbe in realtà molto più vicino al Torino, con cui è in trattativa da tempo. Il giocatore francese è uno dei pupilli di Sinisa Mihajlovic e proprio sotto la guida del Generale di ferro il giovane rampante classe ’94 è riuscito a trovare una certa continuità di rendimento senza tuttavia riuscire a spiccare il grande salto. Il tecnico serbo continua a credere fortemente nel potenziale del giocatore e ha chiesto alla dirigenza grnata uno sforzo economico per accontentare le richieste del Milan prima che possa faarci un pensierino la Lazio, magari costretta a rimpiazzare negli ultimi giorni di mercato un Keita ancora in bilico tra la tribuna e dell’Olimpico e chissà che cosa.

Il Milan pè disposto a cedere Niang anche per quindici milioni di euro, rinunciando dunque ai venti che erano stati offerti dalla Russia prima che il giocatore rifiutasse il trasferimento. La situazione non sembra facile neanche per Mino Raiola, pronto a raccogliere e vincere la sua sfida personale.

Ricevi le ultime notizie sul Milan, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy
Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 29-08-2017

Nicolò Olia