Milan, Niang vuole solo il Torino. Ora la palla passa a Cairo

5 paesi low cost dove rifarsi una vita

I rossoneri hanno preso atto che M’Baye Niang non vuole trasferirsi a Mosca perché ha già un accordo con il Torino. Cairo, però, dovrà aumentare l’offerta di 12 milioni.

Intorno a M’Baye Niang c’è un’aria di attesa, nonostante il giocatore abbia presentato un certificato medico che lo dispensa dal presentarsi a Milanello per dieci giorni. Lo stress che sta tenendo a riposo l’ex Caen sarebbe legato alle questioni di mercato. Nei giorni scorsi, infatti, il classe ’94 sembrava a un passo dal trasferimento allo Spartak Mosca, club allenato dall’italiano Carrera e che partecipa alla Champions League. Offerta molto allettante per tutti: oltre 20 milioni al Milan per il cartellino, oltre tre netti al giocatore come ingaggio.

No alla Russia

Con i russi sembrava, appunto, tutto fatto ma poi Niang è stato assalito da dubbi circa l’effettiva volontà di trasferirsi a Mosca. E le visite mediche già in programma sono state annullate. Poi, come detto, il certificato medico e il riposo fino alla fine del mese, e del mercato.

Voglia di Torino

Ormai è noto che se da un lato il Milan e Montella hanno scaricato Niang, dall’altro il giocatore transalpino vuole solo andare al Torino. Il club granata ha avuto molti contatti con Mino Raiola, agente del 22enne. Cairo ha già fatto pervenire al Milan un’offerta: prestito con diritto di riscatto fissato a 12 milioni. Cifra e condizioni che non soddisfano i rossoneri. Secondo quanto riporta Tuttosport, il Milan vuole ottenere di più dato che lo Spartak Mosca aveva messo sul piatto almeno 20 milioni. La sensazione è che sui 15 milioni l’operazione possa andare in porto, consentendo al club di via Aldo Rossi di segnare una discreta plusvalenza. Chiaramente, il diritto di riscatto deve tramutarsi in obbligo. Eventualmente, l’onerosità del prestito potrebbe superare la distanza tra i due club. E Niang potrà così riabbracciare il suo mentore Mihajlovic.

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 25-08-2017

Fabio Acri

Per favore attiva Java Script[ ? ]