Conosciuta anche come ‘Fairlady’, la Nissan 350Z è una coupé sportiva, prodotta anche in versioni da competizione agonistica.

La Nissan 350Z, denominata anche Nissan Fairlady Z o anche Nissan Z33, è un modello di auto sportiva prodotto dalla Nissan dal 2002 al 2009. Come si evince dalla sigla, fa parte del ramo delle Z-Car che caratterizza la gamma del produttore giapponese fin dal 1969, anno di esordio della Datsun 240Z.

Il primo prototipo venne sviluppato dal centro design californiano della Nissan; non a caso, la concept car dalla quale deriverà poi il modello finale venne presentata, nel 1998, prima al Salone dell’Auto di Detroit e successivamente a Los Angeles. Si trattava di un’auto a due posti, perfettamente funzionante, equipaggiata con un motore da quattro cilindri da 2.4 litri (mutuato dalla Nissan Altima) in grado di erogare una potenza di 200 CV. Il concept non ebbe seguito ma riuscì a creare un certo interesse attorno all’uscita di un nuovo modello della Serie Z.

Scheda tecnica Nissan 350Z

Quando viene lanciata sul mercato in Giappone, la Nissan 350Z è disponibile in cinque diversi allestimenti: Base, Enthusiast, Performance, Touring, e Track (l’unico disponibile in Europa anche se marcato come ‘350Z’). Per quanto concerne le dimensioni, l’auto (proposta prima in versione coupé e poi anche roadster) è lunga 4.303 mm, larga 1.816 mm alta 1.318 mm. Questi valori, caratteristici della versione base, verranno poi modificati nel corso del lungo arco di vita del modello: le generazioni prodotte dal 2006 al 2008 sono più lunghe di 9 mm, mentre l’altezza della prima serie roadster (2003-05) è di 10 mm superiore alla coupé. Stesso discorso per le serie datate 2006-08: l’altezza della coupé si ferma a 1.324 mentre la roadster arriva a 1.334 mm. Il passo resta invece fisso: 2.650 mm.

Per quanto concerne, invece, la massa a vuoto i valori variano sia in base agli allestimenti che all’assetto coupé/roadster; per il primo, il peso va da 1.446 kg (allestimento base) a 1.463 kg (Coupé Track) per le versioni prodotte sino al 2005; quelle successive coprono una gamma che va dai 1.515 kg della versione base ai 1.521 della NISMO. Le Roadster sono in generale più pesanti nell’ordine dei 100 kg.

Il design della Nissan 350Z

Il design è appannaggio di Diane Allen, designer del Nissan Design America di San Diego. Dal punto di vista estetico, gli esterni della Nissan 350Z coupé si caratterizzano per le linee tese e pulite, il lungo cofano anteriore tipico delle Z-car prodotte dalla casa giapponese e l’andamento fastback accentuato dal profilo particolarmente arcuato del tettuccio.

La parte anteriore, invece, si distingue soprattutto per gli ampi gruppi ottici di forma triangolare che si allungano quasi a metà del passaruota anteriore. Per il resto, linee e volumi sono ridotti al minimo, con una griglia molto sobria a caratterizzare la fascia paraurti. Anche il posteriore non si discosta molto da quella che è la linea di impostazione della carrozzeria. La fascia inferiore si presenta levigata, senza alcuna demarcazione volumetrica dal resto del prospetto posteriore, segnato dai particolari gruppi ottici che si allungano sulla fiancata ‘tirati’ dalla linea che corre all’altezza dei finestrini. Unico vero elemento di spicco del retro è l’inserto ‘sportivo’, ovvero uno spoiler che negli allestimenti GT assume le sembianze di un vero e proprio alettone, simile a quello dei modelli da corsa. La fiancata, infine, si sviluppa come una grande superficie omogenea e levigata, senza particolari irregolarità, sulla quale spicca a contrasto la maniglia posta in verticale in linea con il montante centrale del finestrino.

Nissan 350Z
Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/aries_ps/8658428553

Motorizzazioni Nissan 350Z

Il motore della Nissan 350Z è un 6 cilindri a V da 3.5 litri, offerto in vari tagli di potenza. Fa parte dei motori VQ prodotti dall’azienda nipponica per le proprie auto e identificata dalla sigla VQ35DE, che aggiorna sensibilmente la precedente versione VQ30DE. La cilindrata viene portata a 3.498 cc; nel caso della 350Z, la potenza erogata da questa power unit va dai 287 CV ai 306 CV. La trazione è posteriore e il motore viene abbinato sia ad una trasmissione manuale a sei rapporti sia ad una automatica a cinque marce. La velocità di punta è di 250 km/h mentre l’accelerazione da 0 a 100 km/h è di 5.8 secondi per la versione da 306 CV e di 6.6 secondi per quella da 287 CV.

Per quanto riguarda l’assetto meccanico, la 350Z è stata progettata e costruita utilizzando la piattaforma modulare Nissan FM (dove ‘FM’ è la sigla che indica la posizione ‘front-midship’ del motore) adoperata sia per alcuni modelli della Infiniti. Il posizionamento del motore permette di avanzare leggermente le ruote, al fine di ottenere una maggiore maneggevolezza della vettura.

Le versioni NISMO e i modelli da competizione

A partire dal 2004, la divisione interna della Nissan che si occupa del tuning delle auto (la NISMO) ha iniziato a produrre una serie di versioni proprie della 350Z. La prima è la NISMO R-Tune del 2004, che sfruttando un numero elevato di cavalli era stata pensata per competere su pista. L’anno seguente è la volta della S-Tune GT, sospinta da una versione del motore VQ da quasi 300 CV.

La NISMO 350Z, prodotta tra il 2007 ed il 2008, è equipaggiata con lo stesso motore delle versioni di serie ma offre, in più, un cambio manuale a sei marce, Traction Control System (TCS) e VLSD (il differenziale a giunto viscoso). Inoltre, questa versione presenta un design altamente aerodinamico, ispirato a quello delle auto che competono in Super GT e una serie di dotazioni meccaniche esclusive quali le sospensioni multi link sviluppate dalla Yamaha e i freni Brembo. La NISMO Type 380RS del 2007 è  la versione stradale della 380RS da competizione, sospinta dallo motore che, malgrado depotenziato, sviluppava una potenza massima pari a 348 cavalli.

Una versione da corsa della 350Z ha rappresentato la Nissan nelle gare del Super GT (sia nella classe 300 che 500, già dai primi anni Duemila), al British GT Championship (fino al 2006) e negli eventi della SCCA, prendendo il posto della Skyline GT-R. Queste varianti da competizione si caratterizzavano per lo chassis tubolare e la carrozzeria in fibra di carbonio. Fino al 2006, il motore utilizzato era un VQ30DETT, ossia un 6 cilindri ad architettura a V successivamente rimpiazzato da un V8 da 4.5 litri.

Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/jeremycliff/4028508556

Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/aries_ps/8658428553


Assicurazione auto, nuova proposta dall’UE a tutela degli assicurati

Renault, aggiornata la gamma della Megane con due nuovi allestimenti