Omicidio a Vignola (Modena). Un uomo ha ucciso la moglie e poi si è costituito ai carabinieri. Il 73enne è agli arresti domiciliari.

VIGNOLA (MODENA) – Omicidio a Vignola, in provincia di Modena, nella notte tra il 13 e il 14 aprile. Un uomo, secondo quanto scritto da La Gazzetta di Modena, ha ucciso la moglie gravemente malata e subito dopo ha chiamato i carabinieri per costituirsi.

Venite – ha detto il 73enne agli inquirenti subito dopo il gesto – ho ucciso mia moglie, non ce la facevo più a vederla così“. Immediato il fermo da parte dei militari in attesa di accertare meglio quanto successo. Il magistrato ha emesso un mandato di custodia cautelare ai domiciliari per l’anziano.

L’omicidio

La tragedia familiare è avvenuta nelle prime ore di mercoledì 14 aprile. Secondo le prime informazioni, l’uomo ha soffocato la moglie con un cuscino e poi chiamato i militari per confessare il gesto.

L’arrivo dei soccorsi è stato immediato, ma per la donna ormai non c’era più niente da fare. I medici non hanno potuto fare altro che constatare il decesso. E’ stata aperta un’indagine da parte della Procura per accertare meglio quanto successo. In attesa di ricostruire l’accaduto, il magistrato ha disposto per il 73enne gli arresti domiciliari.

Ambulanza
Db Milano 07/10/2009 – Ospedale Niguarda / foto Daniele Buffa/Image nella foto: ospedale Niguarda ambulanza

L’indagine

La Procura ha aperto un’inchiesta per accertare quanto accaduto. Secondo una prima ipotesi, l’uomo ha compiuto il gesto per la grave malattia della moglie, ma sono ancora in corso tutti gli approfondimenti del caso e sono diversi i punti da chiarire.

Nei prossimi giorni l’uomo sarà ascoltato nuovamente dagli inquirenti per ricostruire quanto successo in questo appartamento. Una vicenda che ha sconvolto l’intera cittadina modenese.

Giallo a Roma, modella 30enne giù dalla finestra

Sono in corso anche le indagini a Roma sulla morte di una modella. Secondo quanto riportato da La Repubblica, la 30enne è precipitata dalla finestra di un B&B.

E’ stata aperta un’inchiesta per accertare quanto successo. Si ipotizza il suicidio, ma non si esclude nessuna pista fino a quando non si hanno delle prove certe.


Il Comune di Castelfranco Emilia usa lo schwa: che cos’è

Coronavirus, anticorpi dei guariti attivi ancora dopo 11 mesi