L’Angelus di Papa Francesco di domenica 22 marzo 2020. Il Pontefice: “Preghiamo per le tante vittime di questo coronavirus”.

CITTA’ DEL VATICANO – Terzo Angelus a porte chiuse per Papa Francesco che dalla Biblioteca del Palazzo Apostolico Vaticano ha parlato ai fedeli. “Alla pandemia del virus – ha detto il Pontefice – vogliamo rispondere con la universalità della preghiera, della compassione e della tenerezza. Rimaniamo uniti. Facciamo sentire la nostra vicinanza alle persone più sole e più provate“.

Durante il discorso Bergoglio ha invitato tutti i cristiani a recitare insieme il Padre Nostro mercoledì 25 marzo 2020 a Mezzogiorno e seguire il momento di preghiera del 27 da lui presieduto con uno speciale Urbi et Orbi sul sagrato di San Pietro.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Il pensiero per le vittime

Prima dell’Angelus il Pontefice ha presieduto la messa a Casa Santa Marta. E all’inizio della funzione ha voluto esprimere le proprie condoglianze alla famiglia delle vittime: “In questi giorni ascoltiamo le notizie di tanti defunti, uomini, donne, che muoiono soli senza poter congedarsi dai loro cari – ha detto il Papa – pensiamo a loro e preghiamo per loro. Ma anche per le famiglie che non possono accompagnare i loro cari nel trapasso. La nostra preghiera speciale e per i defunti e per i loro familiari“.

udienza privata Papa Francesco
Papa Francesco

Il saluto ad una Piazza San Pietro vuota

Al termine dell’Angelus, come ogni domenica, il Pontefice si è affacciato dalla sua finestra per dare la sua benedizione ad una Piazza San Pietro vuota per le restrizione anti-contagio da coronavirus.

Le misure dure dureranno fino al prossimo 12 aprile quando, si spera, il Vaticano riaprirà le porte a tutti fedeli che in questo momento sono costretti ad ascoltare l’Angelus da casa. Il Papa, comunque, nei prossimi giorni continuerà con i suoi appuntamenti in streaming per far sentire la vicinanza a tutte le persone in questo momento difficile non solo in Italia ma nel mondo.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 22-03-2020


ISS, i sintomi più frequenti del coronavirus

E’ morto il regista Tonino Conte, aveva 84 anni