Papa Francesco in Perù: “La violenza organizzata è come una tempesta”

Continua il viaggio di Papa Francesco in Perù. Bergolio ha celebrato messa a Trujillo, davanti a circa 200mila persone.

TRUJILLO (PERU’) – Continua il viaggio in Perù per Papa Francesco. Nella giornata odierna Bergolio ha celebrato una messa nella città di Trujillo davanti a circa 200mila persone. Durante la predica il Pontefice ha ricordato come “altre tempeste possono sferzare queste coste e, nella vita dei figli di queste terre, hanno effetti devastanti. Tempeste che ci interpellano come comunità e mettono in gioco il valore del nostro spirito. Si chiamano violenza organizzata, come il ‘sicariato’ e l’insicurezza che esso crea“.

Papa Francesco in Perù: “La mancanza di lavoro impedisce di creare futuro ai giovani”

Nel suo discorso Papa Francesco ricorda che “la mancanza di opportunità educative e di lavoro, specialmente tra i più giovani, impedisce loro di costruire un futuro con dignità. La mancanza di alloggio per tante famiglie costrette a vivere in zone ad alta instabilità e senza accessi sicuri“. “Voglio dirvi – conclude Bergoglionon c’è altra via d’uscita migliore di quella del Vangelo, e si chiama Gesù Cristo. Riempite sempre la vostra vita di Vangelo. Con Gesù Cristo l’anima di questo popolo di Trujillo potrà continuare a chiamarsi ‘la città dell’esterna primavera, perché con Lui tutto diventa occasione di speranza“.

Ricevi le ultime notizie in Real Time, lascia la tua email qui sotto:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 20-01-2018

Francesco Spagnolo

X