La posizione di Confindustria sull'evasione fiscale: i dettagli

Evasione fiscale, Confindustria: “Le manette dopo le sentenze e non prima”

La posizione di Confindustria sull’evasione fiscale: “Siamo contro ma le manette arrivano dopo le sentenze e non prima”.

ROMA – Dopo l’approvazione, salvo intese, della manovra, Confindustria ha espresso la sua posizione sull’evasione fiscale: “Tra le criticità – fa sapere il presidente Vincenzo Boccia – c’è un aspetto che è legato alla questione dell’evasione. Serve la certezza del diritto“.

Il leader della Confederazione si è detto d’accordo con il pensiero del Governo anche se fa un appunto: “Siamo tutti contro l’evasione, è una concorrenza sleale, ma occorre certezza del diritto. Le manette arrivano dopo le sentenze e non prima. Su questo non dobbiamo creare gratuità in termini di ansia nel Paese“.

Evasione fiscale, la posizione del Governo

La maggioranza giallo-rossa sembra avere una chiara posizione sull’evasione fiscale. In caso di un mancato pagamento di tasse a livelli elevati si deve andare in carcere. Un provvedimento fortemente voluto da M5s e il premier Conte ma sposato anche dal Partito Democratico. Dopo qualche perplessità dal Nazareno è arrivato il via libera anche se ancora non è stata trovata l’intesa definitiva.

Proprio questa norma è uno dei punti interrogativi della legge di bilancio. Possibile, quindi, un incontro nelle prossime ore per cercare di trovare un accordo e sciogliere gli ultimi nodi rimasti.

Confindustria
fonte foto https://www.facebook.com/confindustria/

L’alt di Confindustria

Ma in giornata è arrivato lo stop di Confindustria. Secondo il presidente Boccia le manette devono arrivare solo dopo la sentenza e non prima. Un piccolo particolare che potrebbe essere discusso in un prossimo incontro con le parti sociali.

La legge di bilancio, infatti, si sta discutendo anche con i sindacati e tutte le confederazioni. E presto a Palazzo Chigi ci potrebbe essere un nuovo incontro per continuare a definire la manovra. La discussione andrà avanti nelle prossime ore per cercare di sciogliere gli ultimi nodi e allentare le tensioni.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/confindustria/

ultimo aggiornamento: 20-10-2019

X