Pozzallo, sbarcano 236 migranti trainati da un peschereccio

Il barcone con 236 migranti respinto da Malta è approdato a Pozzallo, in provincia di Ragusa, trainato da un peschereccio. Salvini: “La Valletta vergognosa!”.

POZZALLO (RG) – La vicenda del barcone con a bordo 236 migranti, vagante per tre giorni nelle acque del Mediterraneo, ha un lieto fine: dopo che Malta ha rifiutato di dare accoglienza, le autorità italiane hanno acconsentito allo sbarco a Pozzallo, in provincia di Ragusa.

Barcone in difficoltà, accelerate le operazioni di sbarco a Pozzallo per motivi di sicurezza

Il barcone è stato trainato fino al porto di Pozzallo da un peschereccio, che ha aiutato i migranti. Le procedure di sbarco sono state accelerate per motivi di sicurezza. Sul posto sono intervenuti carabinieri, polizia e Capitaneria di porto.

Donne e bambini a bordo dell’imbarcazione, presi gli scafisti

I primi a scendere dal barcone sono stati 12 bambini, ci cui cinque neonati, e 50 donne. Quasi tutti i migranti a bordo sono di nazionalità eritrea. Gli scafisti sono stati individuati: si tratterebbe di un libico e di un tunisino.

Matteo Salvini
Fonte foto: https://www.facebook.com/salviniofficial

Salvini accusa La Valletta: abbandonano i migranti in mare

Malta si conferma vergognosa, chissà se a Bruxelles sprecheranno inchiostro per mandare letterine di richiamo anche a La Valletta“, così ha commentato il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Il commento dell’Unhcr: un miracolo che queste persone siano vive

L’agenzia Onu per i rifugiati, l’Unhcr, ha scritto un tweet: “Un miracolo siano vivi. Questo barchino traballante ha portato persone in mare per tre giorni senza cibo né acqua. Il soccorso in mare è fondamentale, assieme a un meccanismo sicuro e prevedibile di approdo“.

ultimo aggiornamento: 25-11-2018

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X