In dubbio la presenza di Rins a Jerez de la Frontera. La decisione sarà presa dai medici poco prima della gara.

JEREZ DE LA FRONTERA – Marc Marquez non ci sarà a Jerez de la Frontera, in forte dubbio anche la presenza di Alex Rins. Il pilota spagnolo, per una caduta, ha dovuto saltare la prima gara stagionale e non è certa la sua partecipazione anche al secondo appuntamento sempre in Spagna per l’infortunio all’omero.

La decisione sarà presa dalla commissione medica a poche ora dall’inizio delle prove libere. Il via libera non assicura la presenza dell’iberico visto che con la squadra si deciderà se continuare il fine settimana o fermarsi per non rischiare uno stop più lungo.

Niente operazione

No all’operazione alla testa dell’omero. Lo spagnolo ha deciso di non fare l’intervento proprio per cercare di esser presente a Jerez de la Frontera. Una scelta sicuramente rischiosa con Alex Rins chiamato a mettere la massima attenzione in pista per non rischiare di saltare il resto della stagione.

La Suzuki, in caso di una nuova assenza, dovrebbe scendere con il solo Joan Mir per questa gara con la speranza di poter contare il prima possibile nuovamente sull’iberico che, ad inizio stagione, era considerato tra i possibili candidati per la vittoria finale.

MotoGP
MotoGP

Addio titolo

Si complica il sogno Mondiale per Alex Rins. L’infortunio di Marquez ha aperto la strada agli outsider con lo spagnolo della Suzuki che sembrava essere tra questi.

La caduta e lo stop, però, ha reso quasi impossibile l’obiettivo titolo anche perché non sarà semplice recuperare i punti persi a Jerez de la Frontera in una stagione che è davvero concentrata in pochi mesi. Per lui la grande chance di fare un campionato di alto livello e sperare nella prossima stagione anche se il favorito numero uno continuerà ad essere Marquez.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
Alex Rins Jerez de la Frontera MotoGP motori

ultimo aggiornamento: 22-07-2020


Jean Todt: “Schumacher sta combattendo. Spero che il mondo sia in grado di rivederlo”

F1, la Ferrari si riorganizza. Binotto, “Dovevamo dare un segnale forte”