Le probabili formazioni di Spagna-Marocco: la Roja è ad un passo dagli ottavi di finale. Per il primo posto nel girone serve la vittoria contro gli africani

KALININGRAD (RUSSIA) – La Spagna, ad un passo dalla qualificazione, cercherà contro il Marocco la vittoria che potrebbe il primo posto nel girone. In caso di pareggio o di sconfitta, la Roja dovrà aspettare il risultato di Iran-Portogallo. In caso di arrivo a pari punti con l’Iran la squadra di Hierro sarebbe avanti per lo scontro diretto mentre se la parità dovesse essere con il Portogallo, bisognerà guardare alla differenza reti che al momento è uguale.

Kaliningrad Arena
Kaliningrad Arena (fonte foto https://www.facebook.com/mondialicalcionews/)

Mondiali Russia 2018, le ultime su Spagna-Marocco

Hierro non può permettersi errori e si affiderà alla migliore formazione possibile con due cambi rispetto alle ultime sfide: chance dal 1′ sia per Iago Aspas che per Thiago Alcántara in cabina di regia. Possibile un turno di riposo per Iniesta.

Di seguito il video con la conferenza stampa di vigilia della Spagna

In casa marocchina il c.t. Renard potrebbe pensare a qualche piccolo cambio per dare spazio ad alcuni giocatori che hanno trovato poco spazio nel Mondiale. In attacco la prima punta dovrebbe essere Boutaib mentre in porta ci sarà El Kajoui.

Spagna (4-3-3): de Gea; Carvajal, Sergio Ramos, Piqué, Jordi Alba; Koke, Thiago Alcántara, Isco; David Silva, Diego Costa, Iago Aspas. All. Hierro

Marocco (4-5-1): El Khajoui; Hakimi, Saiss, Benatia, Mendy; El Ahmadi, Ziyech, Boussafa, Belhanda, Amrabat; Boutaib. All. Renard

Arbitro: Sig. Ravshan Irmatov (Uzbekistan)

Il fischio d’inizio di Spagna-Marocco è fissato alle 20 (ora italiana n.d.r.) allo Kaliningrad Stadium. Il match sarà visibile su Italia 1 Premium Sport mentre in streaming andrà in onda su Premium Play Mediaset On Demand.

Di seguito il video con la conferenza stampa di vigilia del Marocco

fonte foto copertina https://twitter.com/rfef

TAG:
calcio news

ultimo aggiornamento: 25-06-2018


Milan, Commisso al lavoro per il 100% del club: trattativa avviata con Li

25 giugno 1978, l’Argentina batte l’Olanda e vince la Coppa del Mondo