Produzione auto Pininfarina: dopo le indiscrezioni giunte da fonti indiane, il sito Quattroruote ha raccolto nuovi indizi che confermerebbero un possibile ritorno dell’azienda alla produzione di auto in serie limitata.

Pininfarina potrebbe tornare a produrre automobili. Si tratta, al momento, di una voce che non trova riscontri ufficiali, ma non mancano gli indizi che potrebbero confermarla. La prima fonte a lanciare questa indiscrezione è stata la rivista Autocar India ed è proprio il fatto che si tratti di una fonte indiana a dare consistenza alle indiscrezioni. La Pininfarina S.p.A. infatti è posseduta (al 76.06 %) dalla TechMahindra, una controllata del Gruppo Mahindra, il principale produttore automobilistico indiano.

Giova ricordare che la Pininfarina di fatti non produce più auto dal lontano 2011; l’azienda si occupava principalmente di assemblare serie limitate o prodotti esclusivi per le case principali ma fu proprio il ramo carrozzeria ad aprire la crisi finanziaria che il 14 dicembre 2015 portò alla cessione al Gruppo Mahindra in stato di grave insolvenza.

Nessuna conferma ufficiale, per ora

Come detto, né dall’Italia né dall’India sono arrivate conferme in tal senso. Ciononostante, il sito Quattroruote ha approfondito la vicenda raccogliendo alcune interessanti informazioni. Premesso che il condizionale è d’obbligo e che il tutto è ancora limitato al campo delle ipotesi, secondo la nota rivista specializzata esisterebbe un piano per rilanciare la produzione di auto presso gli stabilimenti della Pininfarina, benché al momento non sia possibile stabilire la portata di tale operazione.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Produzione Auto Pininfarina
Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/93207294@N04/39382753690

Non è difficile immaginare che si tratterebbe comunque di una produzione di serie limitata e che la stessa sarebbe principalmente orientata alla realizzazioni di veicoli elettrici. Al contempo, lo standard sarebbe – come da tradizione Pininfarina – sportivo ed esclusivo, così da giustificare la tiratura limitata. L’azienda torinese continuerebbe ad occuparsi di design ed engineering (così come nella recente collaborazione stipulata con un costruttore vietnamita) mentre l’assemblaggio delle vetture sarebbe appannaggio di un’altra società.

I possibili indizi sulle novità Pininfarina

Un possibile indizio potrebbe essere rappresentato dalla H2 Speed (una monoposto da competizione a idrogeno da 653 CV) griffata Pininfarina e presentata al Salone dell’Auto di Ginevra; il modello verrà prodotto in soli 12 esemplari e, secondo l’articolo di Quattroruote, potrebbe rappresentare un indizio sulla possibile prossima gamma auto Pininfarina.

A ciò va aggiunto che la Maindra Racing vanta una lunga esperienza nel campo dei propulsori elettrici, tanto da competere con un proprio team in Formula E. Questo elemento, combinato con la grande esperienza Pininfarina in materia di design, potrebbe rappresentare la base per un rilancio del marchio piemontese sul fronte produzione auto. Quattruote ipotizza inoltre che un segnale di qualche genere, ad eventuale conferma di queste indiscrezioni, non dovrebbero tardare ad arrivare. Una buona occasione sarebbe infatti rappresentata dal Gran Premio di Roma di Formula E, il cui inizio è in programma il 14 aprile 2018. Non resta quindi che restare in attesa di possibili novità.

Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/23145928@N06/3124405846

Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/93207294@N04/39382753690


Formula 1, nel weekend si corre in Cina: i segreti del circuito di Shanghai

Cina, riduzione dei dazi sull’import auto e meno limitazioni a investitori stranieri