Produzione Gruppo PSA: il colosso francese riorganizza la produzione per “sfruttare al massimo le proprie risorse” negli stabilimenti in Francia e Germania.

Il mercato dell’auto, in Europa e non solo, sembra sempre più orientato a privilegiare i SUV. Anche per questo, il Gruppo PSA ha deciso di convogliare le proprie risorse nel potenziamento della capacità produttiva degli Sport Utility Vehicle nel Vecchio Continente.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La strategia ‘Push to Pass’

In una nota stampa pubblicata sul proprio sito ufficiale il 30 maggio, il gruppo ha reso noto che “a seguito del successo delle offensive SUV condotte dai suoi cinque brand, il Gruppo sta incrementando la capacità produttiva in Europa per venire incontro alle richieste del mercato. Ora vi sono le condizioni per realizzare i più alti livelli di rendimento e qualità in ognuno degli stabilimenti coinvolti”.

L’offensiva prodotto” – prosegue il comunicato – “lanciata all’interno della strategia Push to Pass ha portato alla recente introduzione di 11 nuovi modelli di SUV da parte dei cinque brand del Gruppo – Peugeot, Citroën, DS Automobiles, Opel e Vauxhall – che assieme hanno fatto registrare 250.000 immatricolazioni in Europa nel primo quarto del 2018. Nel corso dello stesso periodo, la quota mercato del Gruppo nel mercato europeo dei SUV è aumentata significativamente, arrivando al 16.9 % all’inizio del 2018″.

Il piano del Gruppo PSA per i singoli stabilimenti

Il comunicato della PSA spiega nel dettaglio la riorganizzazione della produzione, esponendo la strategia per i singoli impianti per “utilizzare tutte le proprie risorse disponibili“. Nello specifico, la produzione della Citroën C5 Aircross, il cui arrivo sul mercato è previsto per fine anno, inizierà a Rennes (in Francia), dove già si produce la Peugeot 5008.

Produzione Gruppo PSA
Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/99647904@N07/27526131047

Poiché, così facendo, l’impianto di Rennes raggiungerà la sua piena capacità, la Peugeot 5008 verrà aggiunta alla Peugeot 3008 ed alla Opel Grandland X nelle linee di produzione dello stabilimento di Sochaux (Francia) a partire da marzo 2019. Come ulteriore conseguenza, la produzione della Grandland X si sposterà gradualmente in Germania, presso lo stabilimento di Eisenach, a partire dalla metà del prossimo anno.

Il nuovo piano – si legge ancora nella nota – verrà supportato da investimenti appropriati, che consentiranno a ciascun impianto di fornire prestazioni eccellenti, grandi risultati e una qualità superiore. Queste disposizioni di produzione, rese possibili dai piani di rendimento, verranno portati avanti assieme alle imprese nell’accordo del New Momentum for Growth, firmato a luglio 2016 da cinque dei sei sindacati francesi e manterrà in Francia una produzione di un milione di veicoli. Queste nuove dislocazioni riflettono anche gli accordi negoziati con i rappresentanti dei lavoratori in Germania nell’ambito del piano di rendimento della Opel/Vauxall“.

A proposito della situazione dello stabilimento di Eisenach, il CEO della Opel (Michael Lohscheller) ha commentato il nuovo piano in maniera positiva, poiché “dimostra che il Gruppo investirà in Germania e crede nella Opel“.

Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/125369496@N04/39993115335

Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/99647904@N07/27526131047

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 01-06-2018


Porsche, svelata la nuova 718 GTS in versione Cayman e Boxster

BMW Motorrad Autocrocetta