Rapporto INPS sulle richieste di cassa integrazione

Aumentano la richieste di cassa integrazione: +51,9 per cento a settembre

Rapporto Inps sulle richieste di cassa integrazione. A settembre è stato registrato un aumento del +51,9% rispetto al 2018.

ROMA – Il rapporto Inps sulle richieste di cassa integrazione ha evidenziato un aumento del +51,9% rispetto al 2018. Secondo quanto riportato dall’Osservatorio sulla cassa integrazione nel mese appena trascorso sono state fatte oltre 17 milioni di domande con un aumento del +168,2% confrontando il dato di agosto.

Nel documento viene precisato come nei primi nove mesi dell’anno c’è stato una crescita del 16,27% dovuta anche all’aumento della cig straordinaria del 37,41% mentre quelle ordinarie sono diminuite del 4,02%.

Cassa integrazione, probabile richiesta in aumento rispetto al 2018

Il boom delle richieste di cassa integrazione nel mese di settembre (su base annua) è dovuta principalmente all’aumento della cig straordinaria che hanno raggiunto 11,5 milioni. Si tratta di un dato quasi raddoppiato rispetto all’anno prima visto il 99,16% di differenza. Questo, però, ha interrotto la tendenza di calo che era iniziata nel 2013 e per questo si pensa ad un 2019 negativo in confronto con il 2018.

Diminuiscono, invece, le richieste di disoccupazione. Il dato si riferisce ad agosto, mese nel quale l’Inps ha ricevuto poco più di 10mila domande tra Naspi, Mobilità e Discoll. Un numero inferiore dell’11,8% a quello che si era registrato nello stesso periodo del 2018.

INPS
fonte foto https://www.facebook.com/INPS.PerLaFamiglia/

Economia altalenante in Italia

E’ un’economia e un mondo del lavoro altalenante in Italia. La spinta dei mesi scorsi sembra essere finita con le richieste di cassa integrazione che hanno avuto un boom specialmente nell’ultimo periodo. Non ci resta che attendere l’approvazione della manovra e gli effetti che questa potrà avere sul nostro Paese.

La speranza da parte del Governo resta quella di uscire il prima possibile da questo momento di difficoltà anche se la strada da fare è lunga. Nei prossimi mesi capiremo meglio il futuro che aspetta.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/INPS.PerLaFamiglia/

ultimo aggiornamento: 18-10-2019

X