Il rapporto del'Ue: Italia paese a rischio con notevoli squilibri economici

L’Europa boccia (ancora) l’Italia: la manovra economica non salverà l’economia del Paese

La Commissione europea boccia l’economia italiana. Debito pubblico eccessivo e notevoli squilibri economici. Male la manovra, Quota Cento un peso e Reddito di Cittadinanza difficile da realizzare.

Arriva la nuova e preventivata bocciatura dell’Unione europea ai danni dell’talia, un paese dove, stando al rapporto dei commissari ci sarebbero ancora squilibri economici eccessivi.

Pierre Moscovici
fonte foto https://www.facebook.com/pierre.moscovici/

Il rapporto della Commissione europea sull’Italia: debito pubblico e bassa produttività

La preoccupazione riguarda innanzitutto l’eccessivo debito pubblico che frena la crescita del paese e che scoraggia gli investitori creando una sorta di circolo vizioso che potrebbe trascinare l’Italia verso una nuova recessione a meno che la manovra economica non dia i risultati sperati e non venga tempestivamente corretta nel caso in cui non dovesse funzionare come auspicato.

Bruxelles
fonte foto https://twitter.com/Adnkronos

La manovra economica potrebbe ostacolare ulteriormente la situazione economica

Ma proprio la manovra economica redatta da Lega e Movimento Cinque Stelle incassa una sonora bocciatura. Secondo la Commissione europea i piani di bilancio del governo italiano sarebbero un ostacolo alla crescita dell’Italia. In questo caso l’attenzione sarebbe puntata soprattutto sulla Quota Cento varata da Salvini che rischia di creare una forte instabilità garantita invece dalla Legge Fornero.

La manovra 2019 include misure che rovesciano elementi di importanti riforme fatte in precedenza, in particolare sulle pensioni, e non include misure efficaci per aumentare il potenziale di crescita“, recita parte del rapporto sull’economia italiana. “Nonostante alcuni progressi nel riparare i bilanci delle banche, riforme sul diritto fallimentare e politiche attive del mercato del lavoro, lo slancio delle riforme è ampiamente in stallo nel 2018“.

ultimo aggiornamento: 28-02-2019

X