Matteo Renzi riserva ai grillini – e non solo – parole ancora più dure relative al reddito di cittadinanza.

Oggi il leader di Italia Viva ospite a Omnibus su La7 torna a scagliarsi contro la misura del reddito di cittadinanza promossa dal primo governo Conte. In occasione della pubblicazione del suo libro Mostro mette in risalto la R rovesciata sulla copertina che si riferisce al fatto di cambiare le cose che non vanno. “Bisogna tornare ad essere rottamatori dice l’ex premier Renzi.

Secondo lui ciò che non va in questo momento sono le regole relative al lavoro. “Il reddito di cittadinanza è una vergogna” sbotta Renzi. In vista del referendum a cui punta per abolirlo dice che questo avverrà solo nel 2024, “Raccoglieremo le firme ma il punto è fare una battaglia educativa e culturale oggi. Possibile che la gente prenda i soldi per non lavorare? insiste il leader di Iv. Poi torna sulla mancanza di stagionali e lavoratori nel turismo di cui si lamentano gli imprenditori. “Il ministro del turismo leghista scriva voglio un decreto flussi per avere 350mila immigrati perché non ha lavoratori nel settore del turismo.

Tu stai pagando un milione di persone per stare a casa senza fare niente e devi prendere 350mila persone dall’estero facendole venire.” spiega sbigottito Renzi riguardo all’assurdità di questa situazione. Poi spiega cosa servirebbe per combattere realmente la povertà e fa la differenza tra il rdc e un salario decente.Il reddito di cittadinanza non è una misura contro la povertà. Una misura contro la povertà è creare un lavoro e farlo pagare bene.

Conte Di Maio Salvini
Conte Di Maio Salvini

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Vedendoli sul balcone così avrei chiamato il Tso

L’ex premier Renzi, poi ritorna al ricordo della scena eclatante del balcone nel 2018 quando Di Maio insieme agli altri del governo Conte I festeggiarono con la folla dichiarando di aver abolito la povertà. “Di Maio, Conte e Salvini hanno fatto passare il messaggio che avrebbero abolito la povertà. Quando li ho visti affacciati al balcone, fossi stato ancora a Palazzo Chigi avrei chiuso il terrazzo e avrei chiamato il Trattamento sanitario obbligatorio. Ma come si fa a dire che la povertà si combatte così?”

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 27-05-2022


Mattarella: “Bisogna premere su Russia perché cessi le ostilità”

Scommessa Conte: l’esperimento di Rieti