Nuova rivolta nel carcere di Santa Maria Capua Vetere

Nuova rivolta nel carcere di Santa Maria Capua Vetere. Salvini, ‘Bonafede, sveglia’

Una nuova rivolta di detenuti nel carcere di Santa Maria Capua Vetere. Il leader della Lega Matteo Salvini contro il Ministro Alfonso Bonafede.

Nuova rivolta nel carcere di Santa Maria Capua Vetere, dove nella notte tra il 12 e il 13 giugno cinquanta detenuti hanno preso il controllo del reparto Danubio. Tre poliziotti sono rimasti feriti e sono stati trasferiti in ospedale per accertamenti. Le loro condizioni non sarebbero gravi o comunque preoccupanti.

Nuova rivolta nel carcere di Santa Maria Capua Vetere. I disordini nella notte tra il 12 e il 13 giugno

Cinquanta detenuti hanno preso il controllo di un reparto del carcere di Santa Maria Capua Vetere. Si registra un ferito, Si tratta di un poliziotto, trasferito in ospedale per accertamenti insieme ad altri due colleghi, anche loro in ospedale per accertamenti dopo essere stati feriti.

La situazione è tornata sotto controllo già nel primo pomeriggio del 13 giugno.

Polizia
Polizia

Salvini, “Bonafede, sveglia!”

Carcere di Santa Maria Capua Vetere (Caserta): prima la rivolta in carcere, senza che un delinquente sia stato punito. Poi poliziotti indagati per ”tortura”, e stanotte altre violenze e altri poliziotti feriti. Basta, il limite è stato superato: ministro Bonafede, sveglia!, ha scritto sui social il leader della Lega Matteo Salvini commentando la notizia dei nuovi disordini nell’istituto penitenziario.

Le indagini a carico degli agenti

Si tratta dell’istituto penitenziario nel quale sono indagati più di quaranta poliziotti per presunte violenze ai danni dei detenuti. La notizia ha diviso l’opinione pubblica e i sindacati, in attesa dell’esito delle indagini a carico di decine di agenti che prestano servizio nella struttura. Nei giorni scorsi il leader della Lega Matteo Salvini si era recato nella struttura per esprimere la propria vicinanza agli agenti.

ultimo aggiornamento: 13-06-2020

X