Consultazioni al Quirinale, Salvini ritorna sui suoi passi ma Di Maio guarda al PD

Secondo giorno di consultazioni al Quirinale. Salvini non chiude la porta ad un nuovo governo giallo-verde. Di Maio, però, guarda al PD.

ROMA – Il secondo giorno di consultazioni al Quirinale sembra non aver chiarito completamente il futuro dell’Italia. Il presidente Mattarella ha incontrato i partiti più importanti. L’ipotesi più probabile sembra essere quella di una trattativa tra M5s e PD ma non è stata ‘scartata’ definitivamente l’ipotesi urne. Poche possibilità per un governo giallo-verde 2.0.

Salvini apre al M5s ma Di Maio chiude definitivamente la porta

In mattinata Zingaretti aveva ribadito l’intenzione di trattare con il M5s ma la clamorosa svolta poteva arrivare nel pomeriggio con il passo indietro di Matteo Salvini. Il leader leghista, dopo l’incontro con Mattarella, a sorpresa ha tenuto aperta la porta ad un ritorno di un governo giallo-verde.

Una possibilità durata poco meno di un’ora. Di Maio, infatti, ha chiuso (per ora) la porta annunciando di aver avviato un’interlocuzione per formare una maggioranza di governo solida. Non si conoscono, al momento, le parti coinvolte ma dovrebbero essere M5s e PD. Il leader dei grillini ha messo sul piatto un lungo elenco di proposte che dovrebbero fare parte del programma di Governo. La decisione, come sempre, spetterà a Mattarella.

Sergio Mattarella e Matteo Salvini
Sergio Mattarella e Matteo Salvini

Forza Italia e Fratelli d’Italia chiedono il voto

Il presidente Mattarella ha ricevuto anche le delegazioni di Forza Italia e Fratelli d’Italia. I due partiti hanno confermato la loro intenzione di ritornare alle urne per formare una maggioranza di Centrodestra. Silvio Berlusconi, inoltre, aveva chiesto al Capo dello Stato la possibilità di formare un governo azzurro senza le elezioni.

Le prossime ore saranno decisive con il presidente Mattarella che dovrà prendere una decisione definitiva. Le possibilità di un governo giallo-rosso crescono ma l’ipotesi urne non è stata messa definitivamente da parte.

ultimo aggiornamento: 22-08-2019

X