In Senato si vota il calendario dei lavori e nasce l’asse Movimento 5 Stelle-Pd per fronteggiare il Centrodestra (ri)unito e guidato dalla Lega.

Iniziano a delinearsi le alleanze in questo strano tempo di crisi di governo. In occasione della capigruppo al Senato è emersa l’alleanza Movimento 5 Stelle Pd, nata per contrastare la coalizione di Centrodestra trainata dalla Lega e completata da Forza Italia e Fratelli d’Italia.

Senato
Senato

In Senato il voto sul calendario

La riunione a Palazzo Madama, come prevedibile, ha alimentato le tensioni nello scacchiere politico. La nuova maggioranza guidata dal M5S e dal Pd ha rinviato il voto sulla mozione di sfiducia al 20 agosto, complicando i piani della Lega e del Centrodestra che avrebbero voluto il premier in Aula già il 14/08 per accelerare i tempi. La seduta si conclude quindi senza accordo e con la Casellati che convoca l’Aula per oggi (13 agosto) per votare il calendario.

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio

Nasce l’asse Movimento 5 Stelle-Pd per fronteggiare la Lega che guida la coalizione di Centrodestra

Numeri alla mano il fronte del 20 agosto non dovrebbe avere particolari problemi a imporsi in Aula, dove dovrebbe trovare una maggioranza abbastanza netta. Il problema da non sottovalutare però è che i partiti dovranno richiamare i propri parlamentari dalle vacanze (se non lo hanno già fatto).

I senatori della Lega sono riuniti a Roma da giorni probabilmente perché consapevoli del fatto che l’epilogo sarebbe stato il voto in Aula in tempi brevi. Altri partiti non hanno avuto la stessa malizia e prontezza del Carroccio e i numeri sono pericolosamente in discussione.


Verso il voto, De Magistris si candida e attacca Salvini: “Si ispira a Mussolini”

Salvini ‘torna’ da Berlusconi, il Cavaliere detta le condizioni per la nuova alleanza