Shutdown, è scontro tra Trump e Nancy Pelosi

Da circa un mese il cosiddetto shutdown blocca diverse attività federali. La speaker della Camera: “Niente discorso sullo stato dell’Unione”. Trump: “Vergogna”.

WASHINGTON (USA) – Si alza nuovamente il livello dello scontro istituzionale negli Stati Uniti. La speaker della Camera, la democratica Nancy Pelosi, ha dichiarato che fino a quando lo shutdown non sarà terminato non autorizzerà il discorso sullo stato dell’Unione.

La reazione di Trump

Non si è fatta attendere lo risposta di Donald Trump, il quale aveva confermato alla Pelosi di voler procedere con il tradizionale discorso previsto martedì 29 gennaio: “Non sono sorpreso, è vergognoso quello che sta accadendo con i democratici”, ha commentato il numero uno della Casa Bianca.

Donald Trump
Fonte foto: https://www.facebook.com/uspresidentdonaldtrumpnews/

Il blocco delle attività federali

Lo shutdown, in pratica, ha provocato dallo scorso 22 dicembre la chiusura di un quarto delle agenzie federali, comprese quelle che gestiscono la sicurezza interna, le forze dell’ordine, la raccolta delle tasse, i trasporti e i parchi nazionali.

La questione del muro con il Messico

Lo stallo al Congresso è stato determinato dal braccio di ferro sul tema della costruzione del muro con il Messico. Il costo è di quasi 6 miliardi di dollari: la Camera ha dato il via libera mentre al Senato i Repubblicani non hanno la maggioranza.

La controproposta democratica

Dopo il botta e risposta Pelosi-Trump, i Democratici hanno proposto, al fine di porre fine allo shutdown, di mettere in campo 5,7 miliardi per la sicurezza dei confini, escludendo categoricamente la costruzione del muro lungo il confine con il Messico.

ultimo aggiornamento: 24-01-2019

X