Primi test per le riaperture delle discoteche. Il 5 giugno a Gallipoli e Milano riaprono gli impianti per alcune prove.

ROMA – In Italia sono pronti i primi test per le riaperture delle discoteche. A quasi un anno dalla chiusura per la pandemia, il sindacato di questo settore ha deciso di dare il proprio via libera ad alcuni esperimenti per verificare le condizioni per riaprire queste strutture.

Esperimenti a Milano e Gallipoli

I primi esperimenti per la riapertura delle discoteche saranno effettuati a Milano e Gallipoli. Nella città salentina nella serata di sabato 5 giugno riaprirà il Praia, uno degli impianti più frequentati nel periodo pre-Covid. Secondo quanto riferito da La Repubblica, al test prenderanno parte circa 2mila persone con mascherine e green pass ma senza il distanziamento.

Ma il test più interessante resta sicuramente quello di Milano. Nel capoluogo lombardo, infatti, si è deciso di fare l’esperimento in una discoteca al chiuso. Le regole per la riapertura del Fabric saranno le stesse dell’aperto: mascherine e Green Pass. I primi risultati arriveranno dopo 15 giorni e solo successivamente si potrà valutare la riapertura di questo settore chiuso ormai da un anno per la pandemia.

Discoteca Ferragosto
Discoteca Ferragosto

Pasca: “Pronti a vaccinare i giovani”

Ma le discoteche presto potrebbero diventare anche un hub vaccinale. “Siamo pronti ad organizzare open day per i vaccini anche nelle discoteche in vista di eventi estivi, affinché nella campagna di vaccini possano essere raggiunti sempre più giovani – ha detto Pasca – serviranno gazebo e spazi esterni, ma se il governo lo ritenesse opportuno ne potremmo discutere. Noi siamo disponibili: prima si vaccinano tutti, prima si torna alla normalità […]“.

Il tema non è, al momento, tra le priorità del commissario Figliuolo. Ma la questione potrebbe essere approfondita nelle prossime settimane soprattutto in caso di una risposta non eccezionale da parte dei giovani alla campagna.


Roma, 31enne precipita da Ponte Garibaldi per scattarsi un selfie. È grave

I numeri dell’emergenza coronavirus, il punto della settimana