Trieste, tre maestre indagate per maltrattamenti sugli alunni

A Trieste tre maestre sono state indagate per maltrattamenti sugli alunni. Le indagini sono iniziate dopo la denuncia dei genitori.

TRIESTE – Un nuovo caso di maltrattamento in una scuola italiana. Secondo quanto riportato da Il Piccolo, tre maestre sono state sospese da una scuola materna di Trieste per violenze nei confronti di alcuni alunni di età compresa tra i 3 e i 5 anni.

I piccoli venivano presi a schiaffi, messi in punizione nelle stanze buie. Tutti episodi certificati dai controlli effettuati dagli inquirenti attraverso delle registrazioni video di telecamere istallate nell’istituto dopo la denuncia dei genitori. Le docenti sono state iscritte sul registro degli indagati ed ora rischiano il licenziamento.

Carabinieri
Fonte foto: https://www.facebook.com/carabinieri.it

Trieste, indagate tre maestre: la denuncia dei genitori

L’inchiesta – come riferito dal quotidiano locale – è iniziata dopo la denuncia presentata dai genitori che avevano notato dei lividi sulla pelle dei figli. La segnalazione ha portato le Forze dell’Ordine a installare una telecamera all’interno della scuola che ha confermato quanto raccontato dai genitori. Per questo le docenti sono state iscritte sul registro degli indagati con l’accusa di abuso dei mezzi di correzione e di disciplina in danno dei minori.

L’indagine continuerà nei prossimi giorni con gli inquirenti che vogliono capire se si è trattato di un episodio isolato oppure se gesti del genere venivano fatti già in passo. La vicenda riguarda il periodo compreso tra novembre 2017 e aprile 2018. Le docenti avrebbero già avuto delle sanzioni da parte della scuola anche se la giustizia deve fare il suo corso.

Per cercare di evitare ancora episodi simili, il ministro Matteo Salvini è al lavoro per installare delle telecamere nelle scuole. Un provvedimento che è stato approvato e che a breve entrerà in vigore a tutti gli effetti. La speranza resta quella di diminuire vicende simili che sono in continuo aumento in tutta la nostra Penisola.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/carabinieri.it

ultimo aggiornamento: 30-05-2019

X