Tripoli, scontri armati all’aeroporto: proclamato lo stato di emergenza

A Tripoli non si fermano gli scontri armati tra due fazioni rivali. Al momento il bilancio è 11 persone morte ed oltre 27 feriti.

TRIPOLI (LIBIA) – In Libia la situazione continua ad essere molto tesa. L’aeroporto di Tripoli questa mattina è stato protagonista di violenti scontri tra gruppi armati rivali che hanno provocato almeno 11 morti e oltre 27 feriti. Un gruppo di miliziani ha attaccato la prigione di di Mitiga, che si trova all’interno dello scalo per liberare prigionieri di Daesh e di Al Quaeda. Tra le persone che hanno perso la vita ci sarebbe anche una civile. L’aeroporto è stato evacuato e i voli sospesi. Il governo libico di unità nazionale ha proclamato lo stato di emergenza, misura che non sarà revocata fintanto che la sicurezza non sarà ripristinata.

Colloquio Gentiloni-Putin, la Libia al centro della conversazione.

La crisi libica è stato al centro della conversazione telefonica che c’è stata tra Paolo Gentiloni e Vladimir Putin. I due leader hanno confermato la convergenza di attenzione delle due nazioni sui fatti che accadono in Libia e il comune impegno a contribuire ad una soluzione e alla progressiva stabilizzazione dell’area. Sempre in questa telefonata il premier italiano ha espresso il suo apprezzamento verso il ruolo svolto dalla Russia nel quadro del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni.

Ricevi le ultime notizie in Real Time, lascia la tua email qui sotto:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 15-01-2018

Francesco Spagnolo

X