Un girone di Var: bilancio positivo per il supporto arbitrale

Primo bilancio per il Var. Dopo 188 gare in cui è stato utilizzato, solo 6 gli errori gravi secondo l’arbitro Pieri.

La grande novità calcistica del 2017 è stata senza ombra di dubbio il Var. Utilizzato per la prima volta in Serie A in questo girone d’andata della stagione 2017/18, in maniera sperimentale, il supporto tecnologico agli arbitri è già pronto per un primo bilancio. Secondo l’ex arbitro Tiziano Pieri, e secondo la gran parte degli addetti ai lavori, il bilancio è più che positivo. Non mancano le voci fuori dal coro (come Simone Inzaghi), ma è fuor di dubbio che la tecnologia ha reso il lavoro degli arbitri più semplice, corretto e ha concesso maggior equità nella gran parte dei casi. In un lungo intervento su Rai Italia, Pieri ha spiegato: “Nessuno è perfetto, figuriamoci nel calcio, ma adesso c’è più giustizia in campo“.

Un girone di Var: tutti i numeri del supporto tecnologico agli arbitri

L’ex fischietto ha quindi proseguito: “Il Var è stato utilizzato 45 volte per correggere le decisioni arbitrali. Al giro di boa del campionato ci sono numeri che fotografano l’impatto della nuova tecnologia e che parlano di 18 rigori concessi con il Var e di 7 penalty tolti grazie all’ausilio della moviola. Dopo 188 partite gli errori gravi ed evidenti commessi dal Var per me sono appena 6. Ci sono stati poi interventi che hanno lasciato dubbi e perplessità, ma in quel caso possiamo parlare di episodi ‘grigi’, di interpretazioni e non di chiaro errore, che è all’origine del protocollo per il quale si applica il Var, come da indicazione della Fifa“.

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 01-01-2018

Mauro Abbate

X