Vicenza, esorcismo al Santuario della Madonna di Monte Berico: ragazza di 28 anni bestemmia e aggredisce i presenti. Il rito è durato nove ore.

Ha fatto in poco tempo il giro della rete la notizia dell’esorcismo avvenuto a Vicenza, nel Santuario della Madonna di Monte Berico. Un rito durato nove ore circa su una ragazza di ventotto anni che, entrata nel luogo di culto, ha iniziato a bestemmiare e ha aggredito il confessore.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Esorcismo a Vicenza: una ragazza di 28 anni ha iniziato ad imprecare in diverse lingue e ad aggredire i presenti

Secondo le ricostruzioni della stampa locale, la ragazza di ventotto anni ha raggiunto il santuario e si è recata dal frate confessore evidentemente per confessarsi. A quel punto la giovane ha iniziato ad urlare e a bestemmiare. Secondo quanto riferito dai presenti, la ragazza imprecava in lingue diverse, anche in latino.

Dopo lo sgomento iniziale, la zona delle confessioni è stata evacuata e poi chiusa al pubblico. I frati non hanno avuto particolari dubbi nel vedere la giovane che saltava sui mobili e schiaffeggiava la madre. Posseduta. Immobilizzata a fatica, è iniziato il rito dell’esorcismo. Un rito durato nove lunghe ore e al quale ha preso parte anche un frate collegato in videoconferenza per dare supporto e sostegno agli altri religiosi.

Al termine del rito, la ragazza è stata riaccompagnata a casa. La cura però non è finita. La ragazza infatti sarà seguita da un esorcista di Verona. A differenza di quanto si vede nei film, assicurano i frati, il cammino di liberazione può durare addirittura anni.

Chiesa
Chiesa

La presenza della polizia e dei soccorritori

Sempre secondo le ricostruzioni dei media locali, sul posto sarebbero intervenuti anche gli uomini del 118 e la Polizia, che però sarebbero rimasti fuori dal Santuario.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 09-12-2021


Portogallo, ragazzo italiano di 27 anni morto in un’esplosione causata da una fuga di gas

Poliziotti e militari senza vaccino, 50.000 rischiano la sospensione