Borse 21 maggio, Piazza Affari chiude la settimana in positivo. Lo spread resta stabile in area 116 punti.

MILANO – Borse 21 maggio. E’ stata una chiusura in positivo per Milano e quasi tutti gli altri indici europei. L’inflazione continua a ‘spaventare’, ma la situazione pandemica in miglioramento e le riaperture spingono gli indici in crescita. “La ripresa c’è – il commento di Christine Lagarde riportato da La Repubblica – e torneremo ai livelli pre-2019 nel corso del 2022, ma la crescita resta incerta, lascia cicatrici tra settori economici e tra Paesi, e quindi molte divergenze”.

Dichiarazioni che non hanno provocato particolari problemi ai mercati almeno in questa giornata. Da segnalare il crollo del bitcoin sulla stretta cinese. Grande curiosità da capire come si comporterà la criptovaluta nei primi giorni della prossima settimana.

Borse 21 maggio, Piazza Affari in positivo

La settimana per Piazza Affari si è conclusa in positivo. Milano è stata la migliore in questa sessione con un guadagno dell’1,11%. Andamento che ha portato il listino italiano ad essere Maglia Rosa. In crescita anche Parigi (+0,68%) e Francoforte (+0,44%), mentre Londra ha registrato un leggero calo (-0,02%).

La giornata dei mercati si era aperta con un trend contrastato dei listini asiatici. L’unica a chiudere in positivo in questa sessione è stata Tokyo con un guadagno dello 0,78%. In rosso Hong Kong (-0,04%), Shanghai (-0,58%) e Seul (-0,19%). Un trend che potrebbe essere confermato nelle prime sedute della prossima settimana visto il misto di Wall Street: il Dow Jones ha guadagnato lo 0,36%, mentre il Nasdaq ha perso lo 0,48%.

Wall Street
Wall Street

I mercati in tempo reale

Spread stabile

Una giornata stabile per lo spread. Il differenziale ha chiuso in area 116 punti, con il decennale che si è fermato all’1,04%. Per l’euro una sessione al ribasso rispetto alla giornata di giovedì. La moneta europea è passata di mano a 1,2190 dollari e 132,75 yen.

Per quanto riguarda le materie prime, il contratto Wti, in scadenza a giugno, ha registrato un rialzo dell’1,89% a 63,11 dollari al barile.


Svolta Stellantis, addio ai vecchi concessionari Fiat

Addio ai Disney Store in Italia, i sindacati: “A rischio 230 posti di lavoro”