Caschi Shark: caratteristiche dei modelli di gamma

Prodotti da un’azienda leader del settore, i caschi Shark vengono impiegati anche dai motociclisti di Moto GP e Superbike.

La Shark è un marchio francese di proprietà del gruppo 2R Holding (che comprende anche Bering, Bagster e Segura); fondata da ex piloti professionisti, l’azienda è specializzata nella produzione di caschi da moto. I caschi Shark vengono prodotti nei tre stabilimenti del gruppo (Normandia, Portogallo e Thailandia) e sono utilizzati anche nell’ambito delle competizioni motoristiche agonistiche, dalla Moto GP alla Superbike, passando per l’Endurance e diversi campionati nazionali (in particolare, in Inghilterra, Francia e Spagna).

La gamma di caschi Shark 2019

L’azienda francese produce e commercializza una vasta gamma di articoli; oltre ai caschi, che rappresentano il prodotto principale, nei listini Shark trovano posto anche alcuni accessori, come ad esempio visiere ed occhiali. La gamma Shark Helmets si articola in cinque ‘divisioni‘: Racing, Pulse, Off-Road, Discovery e Metro.

I prodotti della ‘Racing division’ sono:

  • Race-R Pro GP FIM;
  • Race-R Pro GP;
  • Race-R Pro Carbon;
  • Race-R Pro.

I caschi sopra elencati si caratterizzano per essere realizzati in fibra di carbonio aramide e altre specifiche tecniche, ovvero: doppia misura della calotta, cinturino a doppia ‘D’, ergonomia per assicurare il massimo confort ai portatori di occhiali, predisposizione per lo ‘SharkTooth’, visiera anti-graffio con trattamento anti-appannamento per la parte interna, sistema di sganciamento rapido della visiera con meccanismo a cremagliera. Inoltre, per ciascun modello di casco sono disponibili numerose variazioni grafiche per la decorazione della calotta.

La gamma ‘Pulse‘, invece comprende:

  • Spartan
  • Spartan Carbon
  • Vancore
  • Vancore 2
  • Skwal 2
  • D-Skwal
  • Ridill.

Il casco Shark Spartan si contraddistingue per alcune soluzioni tecniche, come ad esempio il doppio spoiler con estrattori d’aria, l’ottimizzazione dei flussi aerodinamici e la regolazione della temperatura all’interno del casco. Le placche laterali aiutano a diminuire drasticamente il rumore aerodinamico mentre mentre il sistema ‘autoseal‘ consente una chiusura ermetica della visiera, oltre ad una migliore insonorizzazione ed una maggiore protezione contro il vento e la pioggia. Il lato interno è rivestito di microtech, un materiale antibatterico con certificazione AEGIS.

Per quanto riguarda il casco integrale Shark Vancore si caratterizza per i nuovi occhiali ‘ultra thin frame’, con doppia visiera anti-appannamento ‘full vision’. Il design dei guancali è stato rivisto, così da rendere la calzata del casco più facile mentre la calotta ‘slim fit’ è stata progettata per migliorare l’adesione alla testa; il casco è anche dotato di sistema di chiusura micrometrico.

Caschi Shark
Fonte foto: https://www.facebook.com/sharkhelmetsitalia/

Anche i caschi Shark Skwal e D-Skwal presentano soluzioni tecniche peculiari e d’avanguardia. I primi si caratterizzano per un profilo aerodinamico ottimizzato grazie a studi di CFD (Computational Fluid Dynamics) e una linea estetica aggressiva, merito dello spoiler profilato e del giunto di base ridisegnato. Anch’esso realizzato in fibra di carbonio, lo Skwal 2 è disponibile in un’ampia gamma di variazioni grafiche. Tra le caratteristiche distintive dei caschi D-Skwal, invece, v’è la ventilazione ottimizzata, implementata per mezzo di simulazioni digitali, e il sistema di chiusura ‘autoseal‘, che migliora l’isolamento e la protezione da agenti esterni. Lo spoiler anteriore, infine, migliora la stabilità e le prestazioni aerodinamiche; entrambi i prodotti sono realizzati in resina termoplastica.

La gamma di caschi Discovery comprende tre prodotti concepiti per chi intraprende lunghi viaggi in moto.

Con il casco EVO-One, erede dell’Evo Serie 3 lanciato sul mercato nel 2012, la Shark Helmets ha brevettato il sistema “Auto-up/Auto-down” in cui “non solo si alza la mentoniera quando solleviamo la visiera, ma quando vogliamo richiudere il nostro casco la visiera automaticamente si riposiziona per favorire la transizione da casco jet a integrale“, come si apprende dal sito ufficiale dell’azienda transalpina. Le principali caratteristiche di questo casco sono:

  • profilo compatto e aerodinamico per la riduzione del rumore ottenuto tramite simulazioni di fluidodinamica computerizzata (CFD);
  • sottogola insonorizzante, retraibile e rimovibile;
  • blocco mentoniera;
  • visiera con Pinlock MaxVision;
  • doppia omologazione (casco jet e integrale);
  • visiera parasole ad ampia copertura visiva;
  • cinturino con chiusura micrometrica;
  • ergonomia Easy Fit per chi porta gli occhiali;
  • sistema per lo sganciamento rapido della visiera;
  • predisposizione per lo SharkTooth;
  • visiera a doppia presa;
  • sistema ‘Autoseal’;
  • posizione ottimizzata della visiera aperta per adattarsi al meglio alla forma della calotta;
  • oltre venti variazioni grafiche per la decorazione esterna.

Il casco Openline, anch’esso in resina termoplastica, monta una visiera da 2.2 mm di spessore e il visore parasole integrale; si caratterizza per un design ‘effetto slim’ che rende l’intero casco più compatto.

La Metro Division, ossia la gamma Life Style, completa il ventaglio dei prodotti, per quanto riguarda gli elmetti, includendo i caschi Shark Drak, Nano, Heritage, Micro e RSJ.

Il ‘Drak‘ – realizzato in resina termoplastica – monta lenti con doppie lenti antinebbia e antiggraffio ed offre una ventilazione ottimizzata grazie alla simulazione digitale; la calotta ‘slim fit’ è progettata e realizzata per aderire perfettamente alla testa. La versione Street Drak (disponibile in un’ampia varietà di decorazioni grafiche) presenta interni in microtech, occhiali ultra sottili e visiera ‘full vision’ anti-appannamento; gli occhiali sono fissati alla mascherina tramite i fissaggi ‘easy clip’. La variante S-Drak è realizzata in fibra di carbonio e presenta agganci frontali per l’aggiunta di un peak mentre la visiera interna è retrattile e presenta un deflettore anti-turbolenze. Il casco è offerto in sette variazioni grafiche. Le finiture gun metal e i dettagli vintage sono gli elementi che caratterizzano il casco S-Drak Carbon, con calotta slim fit per aderire perfettamente alla testa e visiera retrattile.

Lo Shark Nano Crystal, decorato con cristalli Swarovski, è pensato per offrire un’alternativa elegante alle donne; al di là dei vezzi estetici, il casco si caratterizza per la visiera lunga, i diffusori d’aria integrati e la visiera parasole. La gamma di completa con il casco Heritage a visiera corta (con finiture vintage), l’RSJ a visiera lunga e il Micro, dal design minimal.

I rivenditori caschi Shark in Italia

In Italia sono oltre 500 i negozi fisici rivenditori dei caschi Shark. Il sito ufficiale dell’azienda mette a disposizione un tool, in una sezione apposita, che permette di localizzare su una mappa gli esercizi presenti su tutto il territorio nazionale.

In alternativa, è possibile acquistare i caschi griffati Shark anche in rete, tramite i tanti store online che vendono accessori per moto.

Fonte foto: https://www.facebook.com/sharkhelmetsitalia/

ultimo aggiornamento: 12-07-2019

X