Riprendono i colloqui tra Fca e Renault, resta fuori la Nissan

Renault-Fca, si riparte: la chiave è il governo francese. Resta fuori la Nissan

Arrivano conferme, ripartono i colloqui tra Renault e Fca: il governo francese potrebbe ridurre le sue quote nel gruppo, resta fuori la Nissan.

Riparte la trattativa tra Fca e Renault. Dopo la visita a Parigi di Manley il fascicolo è stato nuovamente ripreso in considerazione tra le parti che cercano una soluzione per superare le divergenze – notevoli – emerse nella prima parte della trattativa.

Gli ostacoli da superare si chiamano Nissan e Governo. Ma per entrambi potrebbe esserci una soluzione che consentirebbe la ripresa della discussioni con Fca per ripartire da condizioni meno svantaggiose per gli italo-americani.

La svolta potrebbe essere il passo indietro del governo francese che potrebbe ridurre le sue quote nel gruppo Renault.

Fca
Fonte foto: https://www.facebook.com/pg/FCA-Fiat-Chrysler-group

L’esito della trattativa tra Renault ed Fca passa dalla Nissan

Fino a prova contraria, in casa Renault la priorità è quella di mantenere cordiali e favorevoli i rapporti con la Nissan. I nipponici non hanno mai preso posizione sulla possibile fusione con Fca. Tradotto, nessuno ha fatto i salti di gioia ma nessuno ha posto il veto o lanciato ultimatum. Un discorso di fusione può essere portato avanti ma sempre con un occhio di riguardo verso la Nissan. Se Renault non dovesse farlo a quel punto si tirerebbero le somme dell’alleanza strategica.

In realtà il primo e impegnativo banco di prova per francesi e nipponici sarà il Cda del prossimo 25 giugno, quando la Nissan metterà ai voti il riassetto della struttura dirigenziale interna, una proposta che Renault non dovrebbe votare per evitare pericolosi ribaltoni. Ma senza il voto dei francesi il provvedimento, che necessita dei due terzi del voto del Cda, non sarebbe approvato.

Fca
Fonte foto: https://www.facebook.com/FCAFiatChryslerAutomobiles

Renault, si pensa a un passo indietro del governo francese

E qui arriviamo alla novità che potrebbe cambiare le sorti delle trattative in corso. Si vocifera dalla Francia che il governo di Parigi possa accettare una riduzione delle quote, facendo quindi un passo indietro sul controllo della casa automobilistica.

Questa mossa darebbe maggiori libertà e spazio alla Nissan anche all’interno del Cda, e farebbe venire meno alcuni dei famosi paletti posti a Fca per procedere con la fusione con Renault. In parole povere, meno governo e meno problemi. Il concetto è decisamente semplificato per necessità ma la speranza di fondo (di tutti) è proprio questa.

Renault
Fonte foto: https://www.facebook.com/renaultitalia

Ripartono i colloqui

Le indiscrezioni confermano che la volontà è quella di riaprire la trattativa possibilmente in tempi rapidi. Fca e Renault sarebbe disposte a mediare le rispettive posizioni di partenza ma l’accordo di base dovrebbe rimanere lo stesso di quello presentato dagli italo-americani solo poche settimane fa. Compresa l’esclusione della Nissan dall’operazione di fusione.

ultimo aggiornamento: 18-06-2019

X