Il 30 dicembre è avvenuta la consegna di tutte le dosi del secondo carico del vaccino Pfizer in Italia. Si procede con la distribuzione tra le regioni.

Dopo la Spagna e altri sette Paesi Ue, anche l’Italia ha doovuto fare i conti con un lieve ritardo nella consegna del secondo carico dei vaccini (470.000 dosi) Pfizer contro il Covid.

Se la Spagna, come comunicato il 28 dicembre, ha dovuto fare i conti con problemi logistici di Pfizer a Bruxelles, l’Italia ha dovuto fare i conti con il maltempo che sta flagellando la penisola dalle prime ore del 28 dicembre.

Effettuata la consegna dei vaccini contro il Covid in Italia

Il Presidente della Regione Liguria Giovanni Toti aveva anticipato lo slittmento della consegna a causa del maltempo: “Pfizer, a causa della tempesta di neve, consegnerà il 30 mattina il carico dei nuovi vaccini: arriveranno a Genova entro le 14 del 30. Il 31 mattina comincerà la vaccinazione nei 14 centri liguri“. Un ritardo di 24 ore circa che potrebbe interessare anche altre regioni italiane interessate dalla perturbazione atlantica che ha portato con sé neve a bassa quota, rovesci di moderata intensità e forti venti.

Nelle stesse ore anche il Presidente della Regione Piemonte aveva annunciato un ritardo nella consegna delle dosi del vaccino arrivate nella giornata del 29 dicembre.

Le operazioni per la distribuzione del vaccino dovrebbero terminare nella giornata del 31. Ovviamente, come in occasione del primo viaggio, anche il secondo carico di vaccini è scortato dagli uomini delle forze dell’ordine e protetto da un protocollo di sicurezza.

Giovanni Toti
Giovanni Toti

Quante dosi di vaccino avrà l’Italia nei prossimi mesi?

In base agli accordi in vigore, Pfizer invierà un carico di dosi di vaccino all’Italia ogni settimana fino alla fine del mese di marzo, quando l’Italia a quel punto avrà ricevuto 7,8 milioni di dosi.

Vaccino coronavirus
Vaccino coronavirus

Quante persone si sono vaccinate in Italia

In base ai dati della mappa delle vaccinazioni, tra il 27 e il 28 dicembre in Italia si sono vaccinate 7.609. Un numero discreto ma decisamente più basso rispetto a quello fatto registrare dalla Germania, che sembra intenzionata ad uscire presto dalla crisi. Stando a quanto emerso, proprio la Germania ha stipulato con Pfizer un nuovo accordo al di fuori di quello europeo assicurandosi così un numero maggiore di vaccini contro il coronavirus. Nulla di illegittimo, ovviamente, ma è la conferma del fatto che l’Europa non procederà di pari passo nel percorso che porterà alla fine dell’emergenza coronavirus.

Nuove ordinanze in vigore: ecco che cosa si può fare in base al colore della zona

TAG:
coronavirus cronaca primo piano vaccino coronavirus

ultimo aggiornamento: 30-12-2020


Vaccino AstraZeneca, via libera in Gran Bretagna

Morta Agitu Gudeta, simbolo dell’integrazione. Confessa l’assassino