Ed è scontro tra Salvini e Berlusconi

5 paesi low cost dove rifarsi una vita

Nel giorno in cui Salvini apre a un governo con il M5s, arriva la clamorosa bocciatura di Berlusconi, leader di Forza Italia e principale alleato della Lega.

Le due (o più) anime della coalizione di centrodestra si impersonificano, nella giornata di oggi, in Salvini e Berlusconi. Mentre il leader della Lega chiude totalmente a un governo col Pd, lasciando aperto uno spiraglio ai Cinque stelle, il numero uno di Forza Italia opta per la soluzione contraria.

Intercettato da alcuni cronisti del Corriere della Sera all’arrivo a Roma, per la presentazione dei neo eletti di Forza Italia, Berlusconi ha dichiarato: “Sono aperto a un governo col sostegno esterno del Pd su singoli provvedimenti, che possono essere accolti in toto o anche emendati“. Un governo che non necessiterebbe di un nuovo patto ‘stile Nazareno’, e che potrebbe essere creato grazie ai parlamentari strappati al Movimento 5 stelle.

Silvio Berlusconi dice ‘no’ al governo con il M5s

Una visione dunque quasi opposta quella del leader di Forza Italia rispetto al collega Salvini. Sul possibile accordo coi Cinque stelle, Berlusconi è stato categorico: “Aprire la porta al M5s? Sì, per cacciarli“. Se al Movimento la chiusura è totale, agli uomini del Movimento c’è una clamorosa apertura. Così Berlusconi ai parlamentari: “Fatevi un amico del M5s. Dovete convincerli a lasciare il loro movimento e a sostenere un nostro esecutivo“.

L’ex premier dimostra una vera convinzione nel suo piano: “Per il momento Meloni e Salvini non sono d’accordo ad aprire al Pd, ma io cercherò di convincerli. Certo, serve del tempo, ma penso che potremmo farcela. L’importante sarà evitare le elezioni, che non servono all’Italia. Ed è giusto che il centrodestra, che ha vinto le elezioni, provi a governare“.

MATTEO SALVINI legittima difesa
Matteo Salvini

Ricevi le ultime notizie in Real Time, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy
Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 14-03-2018

Mauro Abbate