Botta e risposta Renzi-Di Maio: “O sale il M5s o è caos”

5 paesi low cost dove rifarsi una vita

Elezioni 2018, è botta e risposta tra Matteo Renzi e Luigi Di Maio. Il leader del PD: “Loro parlano di trasparenza poi nascondono i bilanci”.

Elezioni 2018 – Con l’Italia presa, anzi rapita dal Festival di Sanremo, la politica non si ferma e continua la sua corsa verso le prossime elezioni del 4 marzo. A tenere banco è il duro confronto tra PD e M5S con Renzi e Di Maio che non risparmiano accuse e frecciatine.

Matteo Renzi: “Il nostro obiettivo? Arrivare primi”

Queste le dichiarazioni del leader del Partito Democratico Matteo Renzi nella newsletter inviata agli elettori e agli iscritti: “Mancano 24 giorni alle elezioni e mentre l’Italia è giustamente stregata da Sanremo noi continuiamo con la campagna elettorale. Qualcuno di voi mi ha scritto: qual è il vero obiettivo del Pd? Diciamolo con forza: noi vogliamo arrivare primi. Punto. Vogliamo essere il primo partito, vogliamo essere il primo gruppo parlamentare. La partita per il primo posto sul proporzionale, che assegnerà la grande maggioranza dei seggi, non riguarda Berlusconi e neppure Salvini. È una sfida a due, tra noi e i Cinque Stelle“.

Io voglio fare una campagna elettorale parlando di Pompei e delle colonnine elettriche, di Industria 4.0 e di fondi per la non autosufficienza, di diritti e di capitale umano – prosegue il testo di Renzi. Ma nessuno deve scambiare la nostra responsabilità con la paura: se vogliono il fango, risponderemo colpo su colpo. Quindici su quindi di come dicono i tennisti.

I Cinque Stelle parlano di trasparenza poi nascondono i bilanci. Quasi tutti i loro leader territoriali sono indagati o addirittura a processo ma hanno il coraggio di parlare, loro, di impresentabili. E se c’è uno che non si presenta proprio, quello è Di Maio, né ai confronti TV, né in Parlamento (30% di presenze in cinque anni, una media vergognosa). Stanno nascondendo alcuni candidati: sarebbe interessante domandarsi il perché. Utilizzano i fondi parlamentari europei in modo illegittimo. Nascondono senza troppa fortuna le impronte digitali dalle Fake News”.

LUIGI DI MAIO
LUIGI DI MAIO

Di Maio: “O governa il M5s o è caos”

Pronta la risposta dei pentastellati a firma di Luigi Di Maio: “Gli scenari post voto sono due: o il M5s va al governo o il caos. Renzi e Berlusconi hanno capito che insieme non faranno il 51 per cento e dicono che si tornerà a votare. Sono degli irresponsabili perché questa situazione l’hanno creata loro apposta per fare l’inciucio dopo il governo, ma ora che sanno che non riusciranno sono nel panico e non hanno nessun piano B. Io sono fiducioso, molto fiducioso, in questi 25 giorni tutto può cambiare e possiamo arrivare ad avere la maggioranza.

Il 4 marzo non possiamo lasciare il Paese nelle mani dei partiti della corruzione. Renzi doveva fare la rottamazione e alla fine l’unica cosa che è riuscito a fare è stata rottamare la questione morale Di Berlinguer. Berlusconi doveva fare la rivoluzione liberale invece ci ha regalato Monti, Equitalaia e il regolamento di Dublino sull’immigrazione. E’ ora di una svolta“.

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 09-02-2018

Nicolò Olia

Per favore attiva Java Script[ ? ]