Formula 1, le prove libere del GP di Turchia. Hamilton in grande spolvero. La Ferrari ha risposto presente.

ISTANBUL (TURCHIA) – Le prime due sessioni di prove libere del GP di Turchia, sedicesimo appuntamento con il Mondiale di Formula 1, hanno mostrato una Mercedes in grande spolvero ed una Ferrari presente. Nel pomeriggio Lewis Hamilton ha firmato il miglior crono precedendo di poco più di un decimo Leclerc. Da precisare che il monegasco era riuscito a conservare questa posizione anche con le gomme gialle mentre tutti gli altri avevano fatto diversi giri con le rosse.

Per la scuderia di Maranello positivo anche il passo gara. Mercedes, soprattutto con Hamilton, sembra avere un qualcosa in più, ma tutti gli altri sono lì e il podio non sembra essere impossibile.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Qualifiche bagnate?

Indicazioni che rischiano di non valere per sabato. Le previsioni, infatti, confermano il rischio pioggia e il bagnato potrebbe rimescolare le carte. Molti, infatti, aspettano la seconda giornata prima di sbilanciarsi visto che c’è la possibilità di scendere in pista in condizioni diverse da quelle delle prime due libere e non è chiaro il comportamento della vettura.

In caso di asciutto sicuramente Leclerc potrà ambire ad un risultato importante. La pole resta possibile, ma attenzione come sempre a tutte le altre monoposto che escono alla distanza.

Charles Leclerc
Charles Leclerc

Sainz e Hamilton chiamati alla rimonta

Per Sainz e Hamilton sarà una gara in rimonta. Lo spagnolo partirà dal fondo della griglia per aver cambiato tutta la power unit (si valuta la possibilità di fare solamente la Q1), il britannico intorno all’undicesima-dodicesima posizione per aver sostituito il motore ma non altri pezzi.

Questo significa che per entrambi sarà una domenica divertente, con lo spagnolo che cercherà di partire bene e agganciarsi subito al treno Hamilton per risalire insieme la classifica e guadagnare più punti possibili.

ultimo aggiornamento: 08-10-2021


Allarme coronavirus in Formula 1, positivo l’equipaggio della medical car

Crisi Alfa Romeo, le auto saranno prodotte su richiesta