Il 28 luglio 1954 nasceva Hugo Chavez. Colonnello dell’esercito, sviluppò la dottrina “bolivariana”. Dal 1999 è stato presidente del Venezuela fino alla morte.

Hugo Chavez era nato il 28 luglio 1954 a Sabaneta. Ha tenuto il potere in Venezuela dal 1999 al 2013, anno della morte per malattia.

La carriera militare

All’età di diciassette anni si arruolò nell’Accademia Venezuelana di Arti Militari. Durante gli anni degli studi Chávez e i suoi compagni svilupparono una dottrina nazionalista di sinistra che chiamarono “bolivariana“, ispirata dalla filosofia Panamericanista del rivoluzionario venezuelano dell’Ottocento Simón Bolívar e da Marx e Lenin.
Oppositore del presidente Perez, nel 1992 – quando era colonnello – tentò il golpe di stato, fallendo nell’impresa. Fu arrestato e imprigionato fino al rilascio, avvenuto due anni dopo.

https://www.youtube.com/watch?v=O-lhLVUlTcw

Elezione a presidente del Venezuela

L’impegno politico di Hugo Chavez lo portò a presentarsi alle elezioni del 1999, risultato eletto come presidente. Uno dei primissimi atti fu quello di cambiare la costituzione, allungando la durata del mandato e la possibilità di rielezione.

Politica economica e estera

Puntando forte sulla nazionalizzazione del petrolio, il Venezuela di Chavez promosse vaste politiche sociali, soprattutto nel campo dell’istruzione e della sanità. Gli indicatori economici e sociali migliorarono nettamente ma al tempo stesso, il Paese iniziò a subire il cosiddetto “male olandese”, ossia la dipendenza dall’oro nero e dalle oscillazioni del prezzo, comportando inflazione e scarsità di beni.
In campo estero, la politica di Chavez fu incentrata sull’antiamericanismo e contro la globalizzazione, stringendo forti alleanze con Russia, Iran e Siria.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
bolivarismo Hugo Chavez socialismo Venezuela

ultimo aggiornamento: 28-07-2020


Test per studenti e sorveglianza sanitaria, le proposte per la ripartenza della scuola

Recovery fund, si ragiona sul piano di investimenti. Ma cresce la tensione sul Mes