Pubblicata l’inchiesta Pandora Papers, approfondimenti sui tesori segreti di capi di Stato, governi e vip.

ROMA – L’inchiesta Pandora Papers è stata rivelata. Diverse testate internazionali hanno condotto questa indagine dedicata ai tesori segreti di capi di Stato governi e vip. Sono oltre 300 le personalità pubbliche e imprenditori che hanno un paradiso fiscale. Andiamo a vedere nei dettagli cosa è emerso in questo lavoro di indagine su capi di stato e vip.

L’inchiesta ‘Pandora Papers’

L’inchiesta Pandora Papers ha riguardato diversi imprenditori e personalità politiche. Secondo quanto riferito dal Corriere della Sera, l’ex premier inglese Blair, con la moglie Cherie, avrebbe risparmiato oltre 350mila euro in imposte di bollo nell’acquisto di un ufficio di Londra. Il presidente russo Putin, invece, non appare in prima persona, ma ci sono molte persone vicino a lui come per esempio la presunta amante Svetlana Krivonigkh.

Tra i vip presenti la super modella Claudia Schiffer, Elton John e Julio Iglesias. Un’indagine giornalistica che rischia di trasformarsi in un’inchiesta vera e propria con l’apertura di uno o più fascicoli. In alcuni casi, se si dovesse fare affidamento solo a quanto riportato nell’inchiesta, ci sarebbe anche la possibilità di procedere con le accuse di corruzione, riciclaggio ed evasione fiscale.

investimenti esteri europei titoli di stato
investimenti esteri europei titoli di stato

Indagine condotta dai giornali internazionali

L’indagine è stata condotta dai giornali internazionali, entrati in possesso di 12 milioni di documenti, ottenuti da 14 compagnie di servizi finanziari in diversi Paesi. I nomi coinvolti in questa inchiesta sono nomi di peso. Resta ora da vedere se questo lavoro giornalistico avrà o meno delle conseguenze a livello giuridico e se le autorità decideranno di approfondire la questione. Al momento non risultano attività investigative legate al Pandora Papers.

ultimo aggiornamento: 03-10-2021


E’ morto Bernard Tapie, ex ministro e patron di Adidas e Olympique Marsiglia

“Facebook alimenta messaggi d’odio per interessi economici”: l’accusa dell’ex dipendente