Migranti, anche la Svizzera li porta in Italia. Salvini: verificheremo

Secondo un’inchiesta di Sky TG24 la Svizzera riporta i migranti in Italia illegalmente. Il ministro dell’Interno annuncia una verifica.

ROMA – Non solo la Francia ma secondo quanto riportato da un’inchiesta di Sky TG24 anche la Svizzera avrebbe portato illegalmente dei migranti in territorio italiano. Sono oltre mille i profughi che le autorità elvetiche hanno accompagnato oltre il confine di Como bypassando il regolamento di Dublino.

Secondo quanto scoperto da Sky TG24, le persone venivano riportate in Italia di notte quando gli uffici per la identificazione erano chiusi. Si tratta naturalmente di un passaggio illegale, con il Governo italiano che non è stato mai informato di questa cosa. Inoltre dalle immagini si può vedere come alcuni migranti hanno come primo paese d’ingresso un altro Stato e per questo motivo non potrebbero superare il confine di Como.

Migranti, Salvini annuncia controlli. “Verificheremo la vicenda”

Secondo quanto riportato da Sky TG24, il comportamento della Svizzera si basa sul bilaterale firmato nel 1998 ma che è stato superato successivamente sia dal trattato di Dublino che dagli accordi di Schengen.

Sulla vicenda vigila con molta attenzione anche Matteo Salvini che ha annunciato dei controlli: “Approfondiremo la vicenda. Nessuno può permettersi di trattare l’Italia come un campo profughi. In passato abbiamo rialzato la testa e non intendiamo abbassarla proprio ora“.

Matteo Salvini
Matteo Salvini (fonte foto: https://twitter.com/notiveri)

Il caso della Svizzera arriva a qualche settimana da quello di Claviere. Le due vicende sembrano molto simili con il Paese elvetico e la Francia che hanno deciso di trasportare i migranti in Italia senza avvisare il governo. Si tratta di una decisione illegale che bypassa l’accordo di Dublino. Nella prossima settimana la maggioranza giallo-verde potrebbe chiedere una spiegazione al parlamento svizzero.

fonte foto copertina https://twitter.com/MediasetTgcom24

ultimo aggiornamento: 18-11-2018

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X