Juventus-Milan, l'ultimo precedente: 2-1 bianconero in rimonta

L’ultimo Juventus-Milan, Dybala e Kean ribaltano il gol di Piatek

Il 6 aprile 2019 si è giocato l’ultimo Juventus-Milan. Non basta un bel primo tempo ai rossoneri, i quali cedono nella ripresa.

JUVENTUS-MILAN, IL PRECEDENTE DI APRILE

Nella stagione 2018/19 il Milan parte con il proposito di qualificarsi alla Champions League. I rossoneri di Gattuso piazzano il colpo Higuain in attacco.

Il campionato dei rossoneri

Dopo un inizio non entusiasmante, con una sola vittoria nelle prime gare, Romagnoli e compagni piazzano 15 punti in sei gare. I rossoneri vivono dunque un autunno positivo, fatta eccezione per le sconfitte nel derby contro l’Inter e contro la Juventus.
Nel mese di dicembre, dopo la vittoria per 2-1 contro il Parma, tuttavia, il Diavolo resta a secco di reti per quattro partite consecutive di campionato (non accadeva dalla stagione 1984-85). Il 29 dicembre, con la vittoria per 2-1 con la Spal, il Milan chiude il girone di andata al 5º posto con 31 punti, mantenendo vive le proprie ambizioni di qualificazione in Champions League.
All’inizio del nuovo anno la squadra di Gattuso realizza una lunga striscia positiva: doppio 3-0 casalingo contro Cagliari ed Empoli, le vittorie a domicilio sul Genoa e Atalanta ed i pareggi contro Napoli e Roma. I successi di misura su Sassuolo e Chievo portano i rossoneri al 3º posto. Il ko nel derby comporta il sorpasso dei nerazzurri.

6 aprile 2019, Juventus-Milan

Il 6 aprile 2019 si gioca Juventus-Milan. Queste le formazioni in campo: JUVENTUS: Szczesny, Rugani, Bonucci, Alex Sandro, De Sciglio, Bentancur, Emre Can, Bernardeschi, Spinazzola, Dybala, Mandzukic.
MILAN: Reina, Calabria, Musacchio, Romagnoli, Rodriguez, Kessié, Bakayoko, Calhanoglu, Suso, Piatek, Borini.

https://www.youtube.com/watch?v=c6akSPR9lYo&feature=onebox

Piatek-gol, poi Dybala e Kean

Dopo un inizio sonnecchiante succede tutto nei minuti finali del primo tempo: prima il Milan chiede un calcio di rigore per fallo di mani Alex Sandro su cross di Calhanoglu (che l’arbitro non assegna dopo aver consultato il Var), e poco dopo i rossoneri vanno in vantaggio con Piatek. Il gol nasce da un errore di Bentancur, che si fa anticipare da Bakayoko: palla in verticale per il pistolero che non sbaglia.
La ripresa inizia sotto il segno del Diavolo, con Piatek, Borini e Bakayoko che cercano il raddoppio. Invece è la Juventus a riaprire la partita, con un rigore procurato e battuto da Dybala. L’argentino se va da solo verso la porta, lanciato da Bonucci, e Musacchio è costretto a sgambettarlo per fermarlo: giallo per il rossonero e penalty che il numero dieci trasforma col sinistro. Trovato l’1-1, Allegri prova a vincerla buttando dentro forze fresche: prima Pjanic e poi Kean, che sostituisce Dybala, non felicissimo. Il ragazzino ha subito la palla buona per il 2-1, ma da pochi passi spara alto. Centrerà bene la porta qualche minuto dopo, ma l’arbitro aveva già fermato il gioco per un fallo di Bonucci su Romagnoli. Si farà perdonare poco dopo: diagonale chirurgico su assist di Pjanic.

ultimo aggiornamento: 10-11-2019

X