Operazione antimafia a Roma, scacco matto al clan Casamonica

I Carabinieri di Roma hanno effettuato un’operazione antidroga contro il clan di Casamonica. 31 gli arresti mentre 6 persone sono ancora ricercate.

ROMA – Nelle prime ore di questa mattina, 17 luglio, i carabinieri di Roma hanno effettuato un’operazione contro il clan dei Casamonica. Sono stati 37 le misure cautelari emesse dalla Procura tra la Capitale e le province di Reggio Calabria e Cosenza. I militari hanno messo le manette a 31 persone mentre altre sei al momento sono ancora ricercate dagli inquirenti.

Le persone fermate sono state accusate di estorsione, usura, traffico di droga, tutti commessi con l’aggravante del metodo mafioso. Stando a quanto riferito dagli investigatori il ruolo principale era svolto da Giuseppe Casamonica, che è uscito dal carcere di poco dopo 10 anni di detenzione.

Colpo ai clan dei Casamonica, in manette anche il pugile Domenico Spada

L’indagine da parte dei Carabinieri è partita prima dei funerali dei Casamonica che hanno fatto parlare in tutto il mondo. Tra le persone fermate dai militari c’è anche il pugile Domenico Spada. La sua palestra, frequentata dal deputato 5Stelle Domenico Dessì, è stata sequestrata durante l’operazione.

Secondo quanto riportato da Repubblica tra le persone ricattate dal clan romano ci’era anche il conduttore Marco Baldini, che negli anni scorsi è stato uno dei colleghi di Fiorello in radio. L’uomo ha rilevato di non aver mai smesso di scommettere e di essere arrivato molto vicino dal suicidio. L’usura aveva un tasso annuo del 1000%: quindi parlando di cifre per un prestito di 10 mila euro, i Casamonica ne ricevevano 600 mila in 6 anni.

Tra gli antri finanziamenti concessi spicca anche quello di Luciano Zeffirelli, uno dei figli adottivi di Franco. Le cifre per lui sono di 20 mila euro con un tasso annuo del 30%.

Di seguito il video con la conferenza stampa dopo gli arresti

fonte foto copertina https://www.facebook.com/carabinieri.it/

ultimo aggiornamento: 17-07-2018

X