Il presidente di Nomisma Energia stima una maxi stangata su luce e gas. Cosa cambia dal 1 luglio e cosa dicono i dati preliminari.

Davide Tabarelli, presidente di Nomisma Energia, annuncia una maxi stangata su luce e gas dal prossimo 1 luglio, con un aumento che per quanto riguarda il gas supera il 20%.

Dal 1 luglio maxi stangata su luce e gas: le stime

I dati preliminari che anticipano l’aggiornamento di Arera parlano di un incremento del 12% per quanto riguarda l’energia elettrica e del 21% per quanto riguarda il gas.

I dati del Tg Com prevedono un aumento in bolletta di sessantasei euro annui per una famiglia tipo con un consumo di energia elettrica di 2.700 chilowattora. Per una famiglia che consuma 1.400 cubi di gas, in un anno potrebbe arrivare a pagare quasi 220 euro in più rispetto al passato.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

euro
euro

Tabarelli, “La ripresa dell’economia europea incontra un primo ostacolo nell’impennata dei prezzi dell’energia”

La ripresa dell’economia europea incontra un primo ostacolo nell’impennata dei prezzi dell’energia che per l’Italia porta una stangata sulle bollette di elettricità e gas dal primo luglio 2021“, rende noto Davide Tabarelli, presidente di Nomisma Energia parlando dell’aggiornamento trimestrale di Arera. “In base ai dati preliminari è possibile stimare per l’elettricità un aumento intorno al 12% e per il gas oltre il 21%, entrambi balzi record mai visti in passato. Ciò spinge a prevedere un tasso di inflazione in forte accelerazione nei prossimi mesi“.

Perché aumenta il costo dell’energia

L’aumento è legato ad una serie di fattori come la scarsità dell’offerta e la ripresa dei consumi. Inoltre si aggiungono i problemi legati ai limiti imposti per la tutela dell’ambienta. Completa il quadro il tradizionale aumento estivo.

Il bonus sociale

La buona notizia è che dal 1 luglio partirà il bonus sociale automatico, un aiuto in bolletta per le famiglie numerose e per le persone meno abbienti.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non


Orlando: “Sui licenziamenti ci sarà una misura selettiva”

Blocco dei licenziamenti, cosa cambia dal 1 luglio