Ponte Morandi, lo studio della Nasa: "Oscillazioni dal 2015"

Ponte Morandi, lo studio della Nasa: “Oscillazioni dal 2015”

Lo studio della NASA sul Ponte Morandi. Il viadotto aveva iniziato a deformarsi già nel 2015 con movimenti accentuati negli ultimi mesi prima del crollo.

GENOVA – Lo studio della NASA sul Ponte Morandi. A pubblicare i risultati delle ricerche effettuati dal Jet Propulsion Laboratory di Pasadena è stato il Corriere della Sera. Accertamenti che hanno confermato a grandi linee quanto detto nelle scorse settimane. Il viadotto ha iniziato a muoversi e deformarsi già nel 2015 con le oscillazioni che sono diventate molto più frequenti negli ultimi mesi prima del crollo.

Lo studio

Lo studio è stato richiesto dalla Procura per capire se il crollo del Ponte Morandi poteva essere evitato. E i primi risultati dicono di sì. Le oscillazioni, infatti, sono iniziate nel 2015 e diventate più frequenti negli ultimi mesi che poi hanno portato alla tragedia del 14 agosto 2018. Il team di ricercatori della NASA ha evidenziato come i movimenti anno dopo anno sono diventati sempre più forti e proprio questi potrebbero aver aiutato il viadotto a cedere prima dei lavori di manutenzione.

E’ stato scoperto – sottolinea Carlo Terranova che ha fatto parte del team – il precursore deformativo del ponte Morandi. Abbiamo anche dimostrato che dal 1992 al 2011 il ponte non si è mai mosso. Il ponte poggiava su un terreno che potrebbe essersi mosso negli anni. Il satellite è in grado di vedere anche queste variazioni. E allora basta, usiamolo per prevenire“.

Ponte Morandi
Ponte Morandi

Le carte in Procura

Lo studio della NASA è stato messo agli atti ma i magistrati – secondo le ultime indiscrezioni – sarebbero pronti a chiedere all’ASI le immagini storiche scattate dai satelliti. L’obiettivo è capire se analizzando queste foto era possibile prevedere il crollo.

Le indagini sul crollo del Ponte Morandi proseguono. Intanto Genova si prepara a commemorare le vittime ad un anno dalla tragedia che ha sconvolto tutto il mondo e non solo l’Italia.

ultimo aggiornamento: 11-08-2019

X