Abruzzo, elezioni regionali: vola il Centrodestra, tonfo M5S

Urne chiuse in Abruzzo dove si è votato per le elezioni regionali. Vittoria per il candidato del centrodestra. Centrosinistra staccato di quasi 20 punti.

L’AQUILA – Alle 23 di domenica si sono chiusi i seggi per il rinnovo dell’assemblea regionale dell’Abruzzo. Lo spoglio è iniziato subito dopo la chiusura delle urne e si è concluso intorno alle ore 11 della mattina dell’11 febbraio.

Elezioni regionali Abruzzo 2019: i risultati

Al termine dello spoglio delle schede, Marsilio, candidato del centrodestra, stacca nettamente Legnini del centrosinistra e Sara Marcozzi (M5S).

A livelli di partiti, la Lega è primo partito sfondando la soglia del 27%. Malissimo i pentastellati, i quali hanno dimezzato i voti rispetto alle Politiche 2018. Forza Italia supera il 10% mentre il Pd è sotto l’8%.

Al candidato del Centrodestra è andato il 48% dei voti. Legnini del Centrosinistra ha fatto registrare il 31,28% delle preferenze, mentre il Movimento Cinque Stelle ha totalizzato il 20,20% dei voti

Gli exit-poll

Secondo i primi exit-poll, divulgati per il Tg7, il candidato del centrodestra Marco Marsilio è il nuovo governatore dell’Abruzzo: il senatore di Fratelli d’Italia avrebbe preso tra il 41 e il 45% delle preferenze.
Staccato Giovanni Legnini, del centrosinistra, il quale non andrebbe oltre il 32%. Segue il candidato del Movimento 5 Stelle Sara Marcozzi (22-26%). Il quarto candidato, Stefano Flajani (Casa Pound), arriverebbe a stento all’1%.

fonte foto https://twitter.com/abollis

Affluenza in calo

In attesa del dato ufficiale delle 23, l’affluenza sarebbe in calo: alle 19 si era recato a votare il 43% degli aventi diritto. Nelle precedenti consultazioni delle elezioni regionali, il dato registrato era del 45,1%.

I quattro candidati

Le elezioni regionali per eleggere il nuovo governatore dell’Abruzzo hanno visto in campo quatto sfidanti. Ecco di chi si tratta:
-Marco Marsilio, nato a Roma e di origini abruzzesi, senatore di Fratelli d’Italia, 52 anni il 17 febbraio, in testa alla coalizione di centrodestra composta, oltre che dal suo partito, da Lega, Forza Italia, Udc-Dc-Idea e Azione Politica;
-Giovanni Legnini, 60 anni, avvocato di Roccamontepiano (Chieti), è stato
vicepresidente del Csm e sottosegretario all’Economia, a capo di una coalizione civica appoggiata dal Pd;
-Sara Marcozzi, avvocato 41enne di Chieti, consigliere regionale uscente, alla guida del M5s;
-Stefano Flajani, 47enne avvocato di Alba Adriatica (Teramo), di Casa Pound.

ultimo aggiornamento: 11-02-2019

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X