Caso Diciotti, Salvini ancora nel mirino della magistratura? Possibile un ricorso delle toghe

La Corte potrebbe decidere di presentare un ricorso per rimettere in discussione la decisione del Senato, che ha negato l’autorizzazione a procedere nei confronti di Salvini per il caso Diciotti.

Il voto del Senato, che ha negato l’autorizzazione a procedere nei confronti di Matteo Salvini, potrebbe non essere stato l’ultimo capitolo del caso Diciotti. Come evidenziato dal presidente della Consulta Lattanzi, infatti, la magistratura potrebbe procedere con un ricorso contro la decisione dei senatori, che hanno votato per impedire che il leader della Lega andasse a processo per rispondere del reato (ipotizzato) di sequestro di persona.

Matteo Salvini
Fonte foto: https://www.facebook.com/salviniofficial

Giorgio Lattanzi: L’autorità giudiziari potrebbe sollevare un conflitto di attribuzione

Se l’autorità giudiziaria dovesse ritenere che la decisione è ingiustificata, allora può sollevare un conflitto di attribuzione. Poi, ovviamente, si vedrà se è ammissibile o meno“, ha dichiarato Giurgio Lattanzi come riportato da la Repubblica.

Tribunale
fonte foto https://twitter.com/marziadegiuli

Caso Diciotti, il voto del Senato sull’autorizzazione a procedere nei confronti di Matteo Salvini

La giunta prima e il Senato poi hanno deciso di votare contro l’autorizzazione a procedere presentata dal Tribunale dei ministri di Catania in quanto il ministro degli Interni avrebbe agito nell’interesse dello Stato.

Senato
Roma 05/06/2018 – Senato della Repubblica voto di fiducia al nuovo Governo / foto Samantha Zucchi/Insidefoto/Image nella foto: Presidenza del Consiglio

La posizione della Corte

Non si tratterebbe, come sottolineato da Lattanzi, di una decisione politica o di una mossa delle toghe rosse, bensì di una presa di posizione da parte della Corte, chiamata a far rispettare la Costituzione nonostante la formazione del Parlamento.

Sembra difficile che si possa in effetti procedere con un ricorso contro la decisione del Senato, ma mai dire mai…

ultimo aggiornamento: 22-03-2019

X