Chi è Massimo Stano, la carriera e la vita privata del marciatore italiano. Tutto quello che c’è da sapere su di lui

ROMA – Massimo Stano oro olimpico a Tokyo nella 20 chilometri di marcia. Un titolo sicuramente inaspettato per il 29enne di Grumo Appula, con una prestazione sicuramente eccezionale. Per lui si tratta del salto di qualità definitivo e per questo motivo in futuro ci aspettiamo ancora una volta il nostro marciatore protagonista. Parigi non è lontana e in Francia il nostro atleta arriverà con i favori del pronostico dopo il titolo olimpico conquistato in Giappone.

Chi è Massimo Stano, la carriera del marciatore italiano

Nato a Grumo Appula (Bari) il 27 febbraio 1992, Massimo Stano ha iniziato a correre da giovanissimo. Le sue qualità sono state messe in evidenza sin dalle giovanili e la medaglia di bronzo agli Europei U23 è stato il primo vero passo verso i grandi.

Una carriera che è continuata in futuro con diversi soddisfazioni sia a livello personale che di squadra. A giugno 2019 il record italiano nella 20 km di marcia. Un risultato che sicuramente ha permesso al pugliese di prendere maggiore fiducia anche in ottica Olimpiadi.

Tokyo 2020

Il successo più importante della carriera è arrivato sicuramente a Tokyo 2020. Un oro olimpico inaspettato (visti anche i risultati ottenuti in passato), ma il nostro atleta è riuscito a sfruttare anche il forte caldo per andare a conquistare la terza medaglia d’oro nell’atletica.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Olimpiadi Tokyo 2020
Olimpiadi Tokyo 2020

La moglie, i figli e la vita privata di Massimo Stano

Il marciatore italiano in passato si è convertito all’Islam per poter sposare l’amore della sua vita. Stiamo parlando di Fatimazahra Lofti, nata in Italia da genitori marocchini. I due si sono conosciuti a Sesto San Giovanni e da quel momento non si sono più lasciati. La coppia ha anche una figlia: Sophie. E la vittoria alle Olimpiadi è stata dedicata proprio a loro.


Chi è Manfredi Rizza, argento a Tokyo nel K1

Chi è Viviana Bottaro, bronzo olimpico a Tokyo