Liquido del radiatore si può rabboccare a casa

Come si rabbocca il liquido per radiatore?

chiudi

Caricamento Player...

Quando si acquista una macchina, si sa, comporta delle spese a volte notevoli soprattutto se per molto tempo la si trascura. Affinchè il motore abbia sempre delle buone prestazioni è necessario provvedere alla sua manutenzione.

Ogni buon automobilista spera di non cadere mai in interventi di  manutenzione straordinaria ma di recarsi alla propria officina di fiducia e provvedere ai tagliandi di ordinaria amministrazione. Tuttavia non è sempre così ed ecco che occorre provvedere quanto prima ad eseguire tutti i lavori del caso.

Tra i vari controlli frequenti, e decisamente più semplici da fare ci sono: il cambio olio motore, liquidi tergicristalli, olio freni e liquido radiatore. Già proprio così. Il liquido radiatore ha la sua valenza.

Nel caso lo si trova al di sotto del livello del minimo, cosa bisogna fare?

Ovviamente bisogna provvedere al rabbocco. Per poter controllare il liquido non c’è bisogno di munirsi di attrezzature speciali. Basta aprire il cofano anteriore e controllare se il livello del liquido di raffreddamento sia compreso tra i livelli MIN e MAX, segnati sulla vaschetta di espansione.

Se è tutto nella norma in questo caso non bisogna procedere al rabbocco, se invece il liquido si trova al di sotto della soglia minima allora occorre procedere immediatamente con la manutenzione.

Come si esegue il rabbocco?

Basta aprire il coperchio della vaschetta a motore rigorosamente a freddo e procedere con l’operazione suddetta. La giusta proporzione da utilizzare è 50% di acqua distillata e 50% di liquido.

Per acquistare il giusto liquido refrigerante basta consultare il manuale della propria auto e scegliere quello consigliato dalla casa automobilistica. Così’ facendo non si incorrerà in nessun errore.

Una volta raggiunto il livello massimo di liquido chiudere la vaschetta e ricontrollare qualche giorno dopo se il livello è rimasto lo stesso. Se dopo pochi giorni, il livello è sceso, allora significa che c’è una perdita nell’impianto e bisogna sottoporre il veicolo a manutenzione.