Una assessora PD del Comune di Reggio Emilia ha pubblicato una foto della Meloni a testa in giù. Zingaretti: “Errore da condannare”.

REGGIO EMILIA – E’ polemica per una foto pubblicata dall’assessora del Partito Democratico di Reggio Emilia. Valeria Montanari sui social ha pubblicato un’immagine di Giorgia Meloni con la testa in giù. Un chiaro riferimento alla fine di Benito Mussolini e al richiamo storico di piazzale Loreto.

La foto è stata pubblicata in collegamento alla Sea Watch con la leader di Forza Italia che aveva in un video chiesto di affondare la ONG. “I Bulli e le Bulle che fanno ‘i grossi’ con i più deboli non li ho mai sopportati. Un modo sordido per nascondere che fuori dai loro metodi arroganti e violenti, non ce la posso fare“.

Assessora PD pubblica foto di Meloni con testa in giù: “Questa signora mi vorrebbe morta”

La foto ha provocato una dura reazione sui social. Diverse le critiche per l’assessora del Partito Democratico che è stata attaccata anche da Giorgia Meloni: “Questa signora – sottolinea la leader della FdI – che mi vorrebbe morta a testa in giù perché voglio difendere i nostri confini è assessore del PD a Reggio Emilia“.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Giorgia Meloni
Giorgia Meloni

Lo stesso partito – continua la leader FdI – che si è affrettato a esprimere solidarietà al sindaco di Bibbiano arrestato per lo scandalo legalo alle violenze sui bambini e che sta tentando in tutti i modi di minimizzare quanto successo“. La Meloni, inoltre, ha fatto un appello a Zingaretti: “Mi piacerebbe sapere cosa pensa del suo assessore“.

Di seguito il post di Giorgia Meloni su Facebook

Ho dato mandato ai miei legali di sporgere querela per diffamazione nei confronti dell’assessore di Reggio Emilia,…

Pubblicato da Giorgia Meloni su Lunedì 8 luglio 2019

Zingaretti risponde alla Meloni: “Errore da condannare”

Nicola Zingaretti su Twitter ha risposto a Giorgia Meloni: “La foto è un errore da condannare. Tutto dobbiamo collaborare per difendere la dignità del confronto. Così non si va avanti, l’odio sta portando indietro le lancette della storia“.


Impronte digitali, pronto il regolamento contro i furbetti del cartellino

Migranti, Salvini: “Marina e Guardia di Finanza a difesa dei porti”